Che partenza il 2020 dell'Arrè Formaggi

arre turi (4)

Il Turi batte l’Osimo e raggiunge il terzo posto

Il nuovo anno in casa Turi parte col piede giusto, prolungando di fatto la striscia di successi consecutivi arrivata ora a quota cinque. Affermazione importante e di peso per gli uomini di mister Difino, che vincono per 3 set a 1 un match tirato ed equilibrato contro la formazione marchigiana dell’Osimo, scesa a Turi da terza forza solitaria del girone e con l’obiettivo di accorciare dalla vetta approfittando dello scontro diretto tra Pineto e Bari.

Gara avvincente che la compagine turese del presidente D’Aprile e del d.g. Marotta si aggiudica con merito, grazie alla maggior incisività della sua battuta e del suo attacco, con Scio mvp e mattatore dell’incontro in primis ma con il prezioso contributo di Nitti e Spinelli unitamente all’affidabilità di chi, entrato dalla panchina, ha dato il proprio apporto. La vittoria numero sette su dieci gare disputate permette all’Arrè Formaggi di raggiungere proprio i marchigiani sul gradino più basso del podio a quota 20.

arre turi (1)

LA CRONACA

I biancoazzurri dello starting six: Capurso in regia e Spinelli opposto, Scio e capitan Mangini di banda, Furio e Cassano al centro, Dammacco libero. Mister Masciarelli risponde con Gatto al palleggio e Rossetti fuorimano, Silvestroni e Massaccesi centrali, Stella e Bruschi laterali, Pace libero.

Grande equilibrio in avvio (5-5 e 9-9). Le due squadre si rincorrono con il muro di Massaccesi che prova la fuga per i suoi (10-12). I locali non ci stanno e guadagnando il turno al servizio con capitan Mangini dal 15-16, piazzando un break letale: lo stesso Mangini dai nove metri per il 16-16, mentre Spinelli (17-16) e Scio (18-16) per il doppio sorpasso. Ancora Mangini dai nove metri (19-16) con il trend positivo che si ferma sul 21-16. Rossetti rosicchia e riporta i suoi a -2 (21-19). Dentro l’esperienza di Cisternino per Mangini tra i locali, così Scio fissa il +3 a più riprese (23-20 e 24-21), mentre Furio alza il muro del 25-21.

arre turi (2)

Il punto a punto che caratterizza le fasi iniziali del secondo set lo infrangono il muro di Furio (7-6) e l’ace di Capurso (8-6). Scio in pipe per il +3 (10-7) ma la reazione ospite non tarda ad arrivare e si concretizza sull’11-11. Ancora Scio ad armare il braccio con la marcatura del 16-14 e Spinelli di blockout (20-17) per il break locale. Ci pensa Scio a mettere giù il definitivo 25-22.

L’Osimo si gioca il tutto per tutto e Masciarelli manda in campo dall’inizio il nuovo acquisto Bacca, spostando Stella fuorimano al posto di Rossetti. La mossa è vincente perché gli ospiti partono subito bene (4-6). L’Arrè Formaggi cala sbagliando troppo, mentre gli ospiti compatti allungano le distanze (4-12). Mister Difino opta diversi cambi: dentro la diagonale Lacatena-Nitti, Cisternino per Mangini e Cupertino per Cassano. I padroni di casa non demordono e nonostante tutto ci provano con Scio (11-16) e Nitti (12-16). Ci credono e vanno vicino a più riprese ad impattare. Bacca out (14-16) mentre Cupertino infiamma il pubblico di casa con il muro su Bruschi che fa 19-20. Nel finale però non riesco a completare la rimonta cedendo 20-25.

Ancora marchigiani avanti (1-4) ma Nitti dai nove metri riporta sotto i suoi (4-5). Bacca riallunga sul 5-8 ma il turno al servizio di Cupertino crea grattacapi tra gli ospiti (8-8). L’attacco vincente di Nitti (10-9) e quello sbagliato di Massaccesi da centro (11-9) vengono annullati da Silvestroni (12-12). Fase equilibrata. Scio però è un cecchino in attacco (18-17) mentre l’Osimo sbaglia (21-19). Il +2 è sigillato da Nitti (22-20) e da Cupertino che stoppa a muro Bacca sul 24-22. Stella tira lungo il pallone che chiude il set (25-22) e il duello.

arre turi (3)

TABELLINO

Arrè Formaggi Turi (Ba) Vs La Nef Osimo (AN) 3-1 (25-21/ 25-22/ 20-25/ 25-22)

Arrè Formaggi Turi: Cassano 1, Cupertino 5, Spinelli 11, Colapietro n.e. , Dammacco (L), Lacatena, Scio 22, Furio 2, Capurso 1, Pagliarulo (L) n.e., Mancino n.e., Nitti 17, Mangini 7, Cisternino 1; Allenatore: V. Difino.

Note: battute sbagliate 15, ace 6, muri vincenti 6, ricezione 54% (42%perfette), attacco 44%.

La Nef Osimo (AN): Pettinari 1, Silvestroni 7, Bacca 5, Paolucci n.e., Massaccesi 8, Carletti (L) n.e., Bruschi 12, Gagliardi, Pace (L), Rossetti (6), Stella (16), Gatto, Baldoni; Allenatore: R. Masciarelli.

Note: battute sbagliate 15, ace 2, muri vincenti 5, ricezione 54% (33%perfette), attacco 40%.

Arbitri: Luca Varriale (Napoli); Claudia Lanza (Napoli).

CLASSIFICA
Bari * 24 punti; Pineto * 22; TURI * e Osimo * 20; Ancona*, Macerata * e Lucera * 19; Loreto * 15; Andria * 13; Foligno* 13; Paglieta e Gioia del Colle 7; Terni * 0.
(*) turno di riposo osservato


OGGI IL DERBY NEL BUNKER DELLA CAPOLISTA BARI

La dodicesima giornata del girone E vede la compagine turese impegnata nel terzo derby stagionale, sinora tutti in trasferta, sul campo della forte M2G Group Bari, reduce dal duello vinto a Pineto per 3-1 domenica scorsa, che le ha consegnato lo scettro di prima della classe. Una gara difficile e affascinante, dove i biancoazzurri sono chiamati ad una prestazione perfetta in ogni dettaglio contro la maggior candidata alla promozione in serie A.

Il derby ce lo presenta il presidente D’Aprile: “Società giovane quella della Pallavolo Bari ma allo stesso tempo una realtà consolidata nei campionati nazionali che, con un progetto ambizioso e solido, oltre a voler rappresentare un punto di riferimento del volley maschile a Bari, mira a riportare il capoluogo in serie A. Noi ci stiamo preparando bene al match. Proveremo a dire la nostra senza timore reverenziale, cercando di continuare il percorso di crescita e maturità ben intrapreso da inizio stagione. Siamo contenti di calcare certi palcoscenici e allo stesso tempo di poter vivere partite suggestive come questa, di fronte ad atleti del calibro di Cernic su tutti e via dicendo”.

Dopo la semifinale play off persa la scorsa stagione, la società del presidente La Forgia ha irrobustito la già competitiva rosa dello scorso anno, formata dal libero Rinaldi, dal laterale Anselmo e dai centrali De Tellis e Giorgio, con l’arrivo del giovane e talentuoso regista Longo (ex Materdomini A2), del centrale Persoglia (ex Alessano A2), dei laterali Grassano (ex Santa Croce e Gioia del Colle A2) e soprattutto con l’ingaggio dell’ex campione azzurro Matej Cernic (proveniente da Taviano A2). Quest’ultimo, un lusso per la categoria, ha un curriculum di tutto rispetto con le maglie di Perugia e Martina in A1 e altri club in Europa. Nel suo ricco palmares vanta sia titoli di club che con la nazionale, su tutti l’argento olimpico ad Atene 2004.

A rendere ancor più difficile l’impegno che attende i biancoazzurri ci pensano i numeri sin qui ottenuti da Cernic e soci con otto vittorie su dieci incontri e con il Pala Carbonara inespugnabile ed indigesto agli avversari: 5 vittorie su 5 e solo un set ceduto. In classifica l’M2G Group comanda con 24 punti davanti a Pineto fermo a 22, al Turi e all’Osimo a quota 20.

Appuntamento al Palazzetto Comunale di Carbonara (BA) con prima battuta prevista per le 17:30 di sabato. Dirigerà la coppia arbitrale laziale formata da Marco Gasparrini e Livia Azzolina.