Domenica 17 Novembre 2019
   
Text Size

“Un podio sofferto ma vissuto sino in fondo”

gianpiero bianco (1)

Nonostante un infortunio alla caviglia,
Gianpiero Bianco ‘strappa’ il bronzo alla “Nocintrail”

Anche questo weekend la D’Angela Sport è stata guidata dalla sua punta di diamante, Gianpiero Bianco, che si è cimentato in un Trail denominato “Nocintrail”. Alla sua prima edizione, la manifestazione si è svolta nello splendido scenario dell’Oasi naturalistica di Barsento, concentrata nell’epicentro tra paesi Alberobello, Noci e Putignano.

Numero massimo di iscritti 200, limite imposto dagli organizzatori per garantire la sicurezza di tutti gli atleti. Come da pronostico, hanno aderito all’evento 150 partecipanti di diverse società sportive, impegnandosi in un percorso di 13,4 km.

A spiegare la scelta di partecipare a questa competizione arrivano le parole di Bianco: «Nonostante non sia una tipologia di gara congeniale per la mia costituzione fisica e la mia forma atletica, sono abbastanza preparato dato che spesso, per spezzare la monotonia delle gare su strada, partecipo a eventi simili. Correre immersi nella natura e lontano dalla civiltà, provoca emozioni splendide e in più mi piace mettere alla prova le mie capacità».

gianpiero bianco (2)

Al termine della gara, il leader della D’Angela Sport ha centrato l’obiettivo di salire sul podio, giungendo terzo assoluto e primo nella sua categoria, portando a casa l’ennesimo trofeo e la 112esima medaglia ‘assoluti’ per il Team D’Angela Sport.

«Questa volta – ammette – per agguantare il podio ho dovuto davvero soffrire molto. Dopo appena 2 km il vincitore, Vito Perta, aveva preso il largo, allungando le distanze in maniera notevole da tutti. Del resto, da navigato triatleta ha dominato la gara meritatamente, dimostrando il suo immenso valore. Quindi sapevo di giocarmi i restanti gradini del podio con un atleta calabrese, Michele Spingola, che nonostante la sua età (sm45) è davvero un osso duro, oltre che grande specialista di queste gare».

Studiati gli avversari, Bianco elabora la sua strategia: «Sono sempre stato alle spalle di Spingola, senza mai provare a superarlo perché i chilometri erano tanti e dovevo solamente cercare di tenerlo stretto, cosa non facile perché per me è davvero faticoso tenere ritmi elevati su questi percorsi. Nel finale, avrei giocato il tutto per tutto puntando sulla mia velocità».

Un ottimo “piano di battaglia” che, però, subisce una battuta d’arresto al km 7: «In prossimità di una curva stretta nel sentiero boschivo – ci racconta – un appoggio del piede destro sbagliato mi ha causato una distorsione alla caviglia, tanto dolorosa da farmi urlare così forte da far agitare il diretto inseguitore. Mi sono fermato completamente per una decina di secondi e poi ho provato lentamente a riprendere la corsa, in maniera progressiva ma cauta giacché sapevo che il dolore a caldo sarebbe sparito. Ormai ero arrivato a metà gara e, sapendo che questo infortunio mi sarebbe costato almeno una settimana di pausa, ho deciso che valeva la pena proseguire la gara, stringendo i denti sino al traguardo e prendendomi ugualmente l’ultimo gradino del podio, sofferto e sudato ma vissuto sino in fondo».

«Dal pomeriggio però come immaginavo, poggiare il piede a terra è stato davvero doloroso. Tuttavia, sono contento della scelta fatta in gara: alla fine, i dolori e le infiammazioni che mi portavo dietro da settimane, mi avrebbero imposto ugualmente di fermarmi». Adesso per Bianco si apre una settimana di stop assoluto e forzato, necessario a guarire dall’infortunio e riprendere a correre ancora più agguerrito. «Ovviamente – confessa – approfitterò di questa pausa per fare potenziamento muscolare: la parola “divano” per me non esiste!».

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.