Giovedì 18 Luglio 2019
   
Text Size

Non fa scherzi l’Arrè Formaggi Turi, 3-0 al Trivianum

arrè turi (2)

Continua la corsa al vertice del girone A per il Turi che si aggiudica il match domenicale della sedicesima giornata contro il Trivianum col massimo distacco per set.

arrè turi (1)

I biancoazzurri di mister Difino infilano il terzo successo di fila prevalendo a muro e in attacco sui nero-aranci di mister Capossela, questi ultimi apparsi per quasi tutto l’incontro combattivi e mai rinunciatari. Primi due set speculari con i padroni di casa che sprecano il margine acquisito in avvio, situazione su cui lavorare e migliorare per il futuro, ma lucidi e determinati quando, prima del finale, di prepotenza chiudono a proprio favore. Senza storie e a senso unico invece il terzo parziale per Cisternino e soci. Buone notizie per la panchina turese con la propria infermeria quasi vuota ed il ritorno a disposizione degli infortunati delle scorse settimane.

Il Trivianum allo starting six si dispone con Pagano in regia e Tisci opposto, Brandonisio e Di Lella di banda, Nanna e Tesse centrali, Traversa libero. Risponde l’Arrè Formaggi con la diagonale Capurso-Fuentes, i laterali Cisternino ed il rientrante Mangini, Furio e Di Gregorio al centro, Castellana libero.

arrè turi (3)

Fuentes (6-4) ed il secondo tocco vincente di Capurso (7-5) fanno le prove per la fuga dei locali, che viene concretizzata poco dopo da Mangini (10-6) e dal muro di Furio su Nanna (12-7). Gli ospiti si rifanno sotto approfittando di un calo dei biancoazzurri un po’ troppo precipitosi in questo frangente; la rincorsa la coronano al punto numero 16. Una volta ripreso, però, il Turi affila gli artigli con un doppio Fuentes (17-16 e 18-16) che mette la freccia mentre Mangini su Tisci regala il +3 (19-16). Break confermato poco dopo da Cisternino (22-19). Furio contrattacca la palla del 25-20.

In avvio del secondo set ancora Fuentes (4-2) e Di Gregorio su Tisci (7-4) lanciano il Turi, che scappa con il pallonetto di Cisternino (13-8). Di Lella e soci non ci stanno e accorciano le distanze dimezzando il gap. Mister Difino cambia la diagonale: dentro Putignano e Dellino per Capurso e Fuentes. Cisternino si prende la scena con la parallela del 21-16, che di fatto rompe ogni velleità, e con l’ace finale del 25-19.

Dopo il muro del 4-1 di Furio su di Lella ci pensa Dellino ben imbeccato da Capurso a mettere giù il punto del +6 (10-4). La compagine turese scappa con un doppio colpo di capitan Di Gregorio (16-6), che mette all’angolo l’avversario. Lo stesso centrale mette in cassaforte il risultato velocemente con l’attacco vincente del 25-12.

 

A Lecce a caccia del primato

Ultime due giornate della regular season e come consuetudine ci sarà la contemporanea su tutti i campi del girone. Nel penultimo impegno la compagine turese del presidente D’Aprile e del dg Marotta sarà di scena a Lecce sul campo Laica Volley con fischio d’inizio alle ore 18 di oggi, sabato 9 marzo. Una trasferta da non sottovalutare per le insidie che nascondono storicamente le trasferte salentine dove le squadre di casa si trasformano esprimendosi al meglio e mettendo in

difficoltà gli avversari: basti pensare alla gara contro il Gravina e alla vittoria ottenuta sul Martina Franca.

Con i giallorossi impegnati nella corsa salvezza dall’altra parte della rete, gli uomini di Difino andranno a caccia di un successo pieno che li issi in vetta solitaria in classifica, tenendo conto che il Gravina pareggerà il conto dei match disputati osservando il proprio turno di riposo. Il tutto in attesa del decisivo scontro dell’ultima giornata.

 

La Classifica

CSV Gravina 40, Arrè Formaggi TURI 38(*), Pall. Martina Franca 30(*), Pallavolo Ostuni 21(*), MBV Ruffano 20(*), Matervolley Castellana Grotte 14(*), Trivianum 13(*), Lecce Volley 11(*), BCC Castellana Grotte 5.
(*) riposo già effettuato

Commenti  

 
Turesedoc1
#3 Turesedoc1 2019-03-13 23:31
Infatti, lo dobbiamo al Commissario se ira il palazzo dello sport è agibile. Per anni non aveva k'agibilità perchè mancava la sicurezza.
Citazione
 
 
Mino Miale
#2 Mino Miale 2019-03-11 17:20
Ecco non sapevo di questo problema, Silvano2. E' il segno evidente che a differenza di chiunque ha l'onore di sedere su Quella poltrona, un garante delle Istituzioni deve garantire il Bene dei cittadini e non altro. Quando il Commissario tornerà a riprendere il suo impegno lontano da Turi, giustamente, potràdre a se stesso di aver agito secondo Scienza e Coscienza. Avremo mai degli amministratori comunali a Turi capaci di "mettersi una mano sulla coscienza" ? Qui la politica è intesa come un qualsivoglia TIRARE a CAMPARE, speriamo di vedere qualcosa di mutato x i prossimi 5 anni !
Citazione
 
 
Silvano2
#1 Silvano2 2019-03-10 10:36
Ricordo a tutti i turesi amanti dello sport che per anni il palazzetto è stato utilizzato senza avere l'agibilità perchè era privo delle misure di sicurezza. Ci è voluto il Commissario che insieme ai vigili del fuoco ha messo le misure di sicurezza obbligatorie per legge. Ora se il palazzetto è sicuro e in regola lo dobbiamo al Commissario.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.