Giovedì 25 Aprile 2019
   
Text Size

D’Angela Sport, tutto pronto per il 2019

Gianpiero Bianco

Il dott. Modesto Lerede sarà il nuovo medico sociale

Giunti a gennaio inoltrato, la Running Team D’Angela Sport ha completato rinnovi e iscrizioni per la stagione 2019 degli atleti. Dopo l’ulteriore conferma dei grandi sponsor prestigiosi che affiancheranno i podisti turesi, l’ultima novità riguarda il nuovo medico sociale: si tratta di Modesto Lerede, noto medico turese, che si è subito messo a disposizione pronto a subentrare nel progetto della D’Angela Sport capitanata dall’indiscusso Presidente Silvano D’Angela.

Con questo tassello, e anche attraverso il rinnovo dell’idoneità sportiva agonistica obbligatoria per ogni atleta, si può presupporre che dal prossimo weekend si cominceranno a vedere gareggiare alcuni atleti, e quindi iniziare a gustare il loro potenziale e voglia di migliorarsi.

Per quanto riguarda la punta di diamante della squadra, Gianpiero Bianco, si dovrà ancora attendere qualche settimana dato il riposo assoluto che sta seguendo per risolvere il problema al ginocchio sinistro, con il quale oramai convive da oltre un anno. Successivamente, elemento importante sarà quello di recuperare fiato e velocità attraverso allenamenti specifici e mirati, volti a mantenere la condizione fisica ma soprattutto mentale.

«Questi stop a intermittenza - ammette Bianco - non sono facili da gestire, in quanto impongono di saltare la preparazione invernale o il cosiddetto "periodo di costruzione". E l’interpretazione di questo periodo è fondamentale per i risultati della stagione successiva che dura all’incirca 2-3 mesi».

«Gli scopi della preparazione invernale - ci spiega il testimonial della Running Team D'Angela Sport - sono essenzialmente tre: scaricare la stagione agonistica delle corse su strada, che si può fare attraverso allenamenti ma anche gareggiando la domenica; inserire un potenziamento muscolare, controindicato durante la stagione agonistica, sostituendo (o integrando) le salite con una o due sedute in palestra; mantenere comunque ottime caratteristiche aerobiche».

Quindi il dover saltare questo periodo e svolgerlo nella metà del tempo previsto, rientrando peraltro da un infortunio, implica un gran bel sacrificio sia dal punto di vista fisico che alimentare per arrivare a una condizione ottimale.

«Sicuramente - chiosa Bianco - la voglia di tornare in gara e riprendermi il mio posto e i miei amati trofei, non mancano assolutamente. Ancora un po' di pazienza e attesa e poi spero possa tornare super carico. Nel frattempo, proseguo il mio rapporto di amicizia e di collaborazione con la D’Angela Sport e la Diadora non solo perché sono testimonial, ma anche perché faccio parte del direttivo e sono direttore tecnico della squadra, per cui, il mio contributo non lo dimostro solo il gara e vincendo, ma anche a livello di gestione societaria».

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI