Venerdì 19 Ottobre 2018
   
Text Size

L'Arrè Formaggi Turi vola ai quarti

Pallavolo Turi - Settimana 1 - Maggio 2018 (Secondo pezzo)

Il Turi c’è e non molla. La conferma arriva dall’ennesima prestazione super della squadra di mister Difino, che nel match di ritorno ribalta totalmente il match d’andata aggiudicandosi di prepotenza anche il golden set.

La qualificazione ai quarti dopo la gara di Ruffano partiva in salita ed irta di ostacoli ma i biancoazzurri, memori degli errori dell’andata, mostrano il meglio di sé prevalendo a muro, in difesa ed in ricezione, imponendosi su un avversario mai rinunciatario ed arrivato a Turi con una ventina di tifosi a seguito a caccia del pass per il turno successivo.

A capitan Colapietro e soci va dato merito di aver tenuto anche mentalmente dopo il 2-1, affilando gli artigli e costringendo il Ruffano ad inseguire.

Ai quarti accedono oltre ai biancoazzurri anche le altre tre compagini del girone B, ossia Sammichele, Specchia e Alliste, che ha vinto il golden set a Molfetta. La squadra turese affronterà l’Alliste nel doppio confronto che prevede sabato 5 maggio l’andata in Salento e mercoledì 9 maggio il ritorno al Palazzetto di via Cisterna.

Le due squadre si schierano in campo così come nel match d’andata: per mister Bramato, M. Maurizio Bisanti al palleggio e De Carlo fuorimano, Gravante e Casto in banda, Spagnolo e Crisostomo al centro con Michele Bisanti libero; Difino schiera Palattella opposto a Pasquale Cassano, Mangini e Michele Cassano laterali, Santoro e Furio centrali, Dammacco libero.

Partenza sprint per i padroni di casa 7-4 (murato De Carlo) e 11-6 con il block out di Mangini. Gli ospiti non trovano spazio in attacco con il muro di casa che continua a fare la voce grossa, 18-9 (Santoro su Gravante). Il Turi gestisce e chiude il set sul 25-16.

De Carlo si carica i suoi sulle spalle e prova l’allungo, 4-6 e 5-9. Il pareggio della squadra di casa è immediato però, 10-10. Break e contro break con M. Cassano che chiude De Carlo (14-14). Dal 18-18 l’Arrè Formaggi rompe gli equilibri con il servizio di Palattella che mette in difficoltà la ricezione leccese, così che il muro chiude il varco e tocca molti palloni permettendo contrattacchi che i padroni di casa non sbagliano. Ci pensa P. Cassano di potenza a mettere giù il 25-19.

Nel terzo set i biancoazzurri si portano avanti con il muro di Santoro su De Carlo (4-2) e l’attacco vincente per il 5-2 di Michele Cassano. Dal 10-5 (tap in di Mangini sottorete su ricezione ospite lunga), gli ospiti non ci stanno e tentano la rimonta: dimezzano prima il gap (12-10) e poco dopo trovano il pari (13-13), sfruttando il turno al servizio di De Carlo. Perde lucidità l’Arrè Formaggi che accusa un calo generale. Il turno al servizio di Gravante è efficace, lanciando il Ruffano alla conquista del set, 17-25 il finale.

Dammacco e soci tornano in campo nel quarto set carichi e determinati a fare l’andamento: 7-3 firmato Mangini. Sospinto dal pubblico, il Turi sale in cattedra facendo la voce grossa ed accelerando, 14-6 e 18-9 con il primo tempo di Santoro. Il Ruffano assiste inerme alla sfuriata turese, salvo poi accorciare annullando diverse palle match ai locali, sin quando Mangini spinge giù con tutto il pubblico il 25-21.

Con lo stesso risultato dell’andata il protocollo prevede che la qualificazione si decida al golden set. Il Turi mostra subito di avere le idee chiare e l’energia giusta, 4-0: murato De Carlo, due attacchi vincenti di Michele Cassano ed un fallo ospite. Si gira campo sull’8-3 al termine di un’azione, caratterizzata da diverse difese spettacolari dei padroni di casa, chiusa da M. Cassano. Furio stoppa De Carlo doppiando il punteggio, 10-5 e lo stesso opposto angola troppo il 12-6. Pasquale Cassano in azione di cambio palla attacca da zona 4, affondando il colpo di grazia del 15-7 che porta il Turi e i suoi tifosi ai quarti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI