Domenica 17 Novembre 2019
   
Text Size

Sandro Laera: “Questi sono i fatti”

Sandro Laera

La perpetuata attività diffamatoria posta in essere nei miei confronti mi costringe a raccontare, nella misura possibile, i fatti che in questi ultimi mesi mi vedono coinvolto, facendo chiarezza sull’intera vicenda.

Svolgo da quasi vent’anni l’attività di consulente del lavoro, iniziata come titolare dello studio “Progresso”, dislocato in più sedi della provincia di Bari. Nel corso del 2016, accolgo nel mio studio, come tirocinante, il dott. Massimo Sportelli, con cui in seguito costituisco uno studio associato.

Nel corso del 2019, chiedo al dott. Sportelli di procedere con la ripartizione degli utili, come previsto da statuto, lo stesso invece di rendersi disponibile alla rendicontazione, avvia una serie di iniziative e denunce nei miei confronti, peraltro in un periodo che mi vedeva lontano da studio, per motivi di salute. Pone in essere nel corso dei mesi, dell’anno corrente, una serie di comportamenti, che mi hanno inibito all’esercizio dei diritti e doveri di associato e amministratore, per le vie di fatto, procedendo con la sostituzione della serratura d’ingresso, cambio password e mail di studio, sostituzione dei canali informativi bancari.

Con una Pec a sua firma del 12/08/19, il dott. Sportelli mi comunicava, ai sensi dell’articolo 11 dello statuto, che dovevo ritenermi sospeso, in seguito ad un accertamento ispettivo, avviato per sua segnalazione, per presunte irregolarità nella gestione delle presenze, relative al rapporto di lavoro intercorso tra un cliente di studio e mia moglie Maggiolini, notizia che divulga mezzo Facebook, violando la privacy e il codice deontologico di riservatezza, premettendo che Sportelli ne è garante di studio. Sospensione illegittima, di cui ha dato incautamente notizia a tutta la clientela, iniziativa poi rinunciata a seguito del procedimento in suo danno.

Tutto ciò mi ha costretto a denunciare l’accaduto al Tribunale di Bari, ricorso su cui è fissata la seconda udienza, in sede cautelare per il 20 novembre 2019. Tutta la faccenda posta in essere da Sportelli è strumentale ma, purtroppo per lui, non ha prodotto gli effetti desiderati. Ad oggi, non ci sono iscrizioni nel registro indagati che riguardano me e mia moglie.

Ribadisco, tali iniziative mirerebbero ad ottenere la mia sospensione e la conseguente espulsione come associato, così come previsto da statuto. Ovviamente, sto procedendo denunciando, nelle sedi opportune, le gravi irregolarità che sono emerse a carico del dott. Sportelli.

SANDRO LAERA

Commenti  

 
massimo sportelli
#1 massimo sportelli 2019-11-05 13:37
Parafrasi delle parole del Laera......
"dislocato in più sedi della provincia di Bari"
Sono solo 2 le sedi...da come le descrive sembra che ce ne sono decine....ma andiamo avanti.
"Nel corso del 2019, chiedo al dott. Sportelli di procedere con la ripartizione degli utili"
Anche qui filastrocca. Ma come, sino al mese di maggio 2019 si prende gli utili il Dott. Laera, poi improvvisamente dal mese di giugno decide da solo, che non si deve procedere più... ma andiamo avanti...
"il dott. Sportelli mi comunicava, ai sensi dell’articolo 11 dello statuto, che dovevo ritenermi sospeso, in seguito ad un accertamento ispettivo avviato per sua segnalazione, per presunte irregolarità nella gestione delle presenze "
Accertamento ispettivo per irregolarità nella gestione delle presenze? No grazie. Accertamento diretto a fare chiarezza sul rapporto fittizio che coinvolge la moglie e non sulla cattiva gestione delle presenze. Ma andiamo avanti...
"Tutto ciò mi ha costretto a denunciare l’accaduto al Tribunale di Bari, ricorso su cui è fissata la seconda udienza, in sede cautelare per il 20 novembre 2019".
Altra barzelletta. La denuncia a cui fà riferimento è un fake. Stiamo parlando di procedimento civile, non penale.
A proposito dott Lera, mi ha denunciato per diffamazione? Ci racconta che lavoro faceva sua moglie? Era una attività aperta al pubblico? Quali mansioni di preciso svolgeva? In quale parte della giornata lavorava, mattina, pomeriggio o sera?
Non risponda a me, ma ai magistrati.
Se queste sono le "verità" secondo il Laera, non oso immaginare quali sono le falsità.....
Mi hanno insegnato che "Il ruolo della vittima è il più semplice". Ma quando riuscirà a dimostrare con i fatti che le mie accuse sono infondate? Sandro Laera, basta a fare la vittima, ora la gente comincia a conoscere i veri fatti.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.