L’Amministrazione Resta supera la sua prima prova

consiglio Turi 30.07.19

Approvate le manovre correttive al Bilancio di previsione in un Consiglio all’insegna della “reciproca collaborazione”

Martedì 30 luglio, a distanza di due mesi dal suo insediamento, l’Amministrazione Resta ritorna in Consiglio comunale, superando il primo banco di prova che la vedeva impegnata a “ragionare” con l’opposizione sulle proprie scelte.

Si inizia con l’assessore Graziano Gigantelli, espressione della Lega Salvini Premier: sebbene abbia ricevuto la delega al Bilancio ai calci di rigore, dimostra di essere all’altezza del compito, “spiegando egregiamente” – come ammetterà lo stesso consigliere Spinelli – variazioni e assestamento al documento finanziario. Poi è la volta di Stefano Dell’Aera, assessore in quota Forza Italia, più volte interpellato sul decoro urbano. Anche per lui prova superata a pieni voti: riesce a dare risposte pertinenti anche quando interrogato su argomenti non iscritti all’ordine del giorno. Chiude l’assessore Sandro Laera, rappresentante nell’esecutivo di Fratelli d’Italia: nonostante sia ancora provato dall’incidente, fin dalle prime battute dà prova di non aver perso il suo smalto. Relaziona con precisione sui debiti fuori Bilancio e porta all’assise buone notizie sul personale: salvo imprevisti, per settembre potremo contare su 9 nuove assunzioni.

Mozione di merito per l’opposizione che, nello spirito di collaborazione che la caratterizza, oltre agli interrogativi sui punti critici riscontrati, avanza proposte condivisibili: dai suggerimenti sui Boc alla richiesta di ricorrere all’istituto della mediazione per snellire i contenziosi, passando per lo sprone ad affrontare in tempi ragionevoli la “questione allagamenti”.

Maggioranza temporaneamente non pervenuta. A parte un brillante Onofrio Resta che, muovendosi tra passato e presente, mette in mostra le sue capacità oratorie sui temi strettamente politici, il resto dei consiglieri alla destra del sindaco assiste silente ai lavori consiliari. Siamo certi, comunque, che non mancheranno le occasioni per “riscattarsi”.

In piena forma anche il primo cittadino Tina Resta che argomenta le proprie posizioni senza mai cadere nella polemica. Ad iniziare dalla discussa questione di un agente della Polizia Municipale colpito da Tubercolosi, affrontata con una comunicazione condivisa da tutta l’assise: «Le leggi vigenti e il mio ruolo mi impongono la massima riservatezza su questa vicenda. L’unica cosa che, a nome dell’intero Consiglio comunale, posso dire è che i cittadini devono essere rassicurati: comunicazioni ufficiali giunte dall’ASL e dagli altri organi competenti certificano che tutto è sotto controllo, non ci sono situazioni particolari per cui allarmarsi per la propria salute».

Fabio D’Aprile