Mercoledì 24 Luglio 2019
   
Text Size

Giacomo De Carolis conferma le sue dimissioni

Giacomo De Carolis

L'ex coordinatore di Fratelli d'Italia: "Tina Resta ha ricevuto la fiducia del partito contro il mio volere. Dovevo tutelare i nostri elettori da questa vergogna"

Giacomo De Carolis non torna indietro e facendo leva sulla coerenza conferma le sue dimissioni da coordinatore cittadino di Fratelli d'Italia.

Nel comunicato che vi proponiamo di seguito, l'ex coordinatore ripercorre le ragioni che lo hanno portato a questa scelta sofferta. La motivazione principale coincide con la fiducia che alcuni membri di Fratelli d'Italia, senza battere ciglia e contro il parere di De Carolis, hanno dato a Tina Resta, individuandola come candidato sindaco del centrodestra. Un nome imposto dall'alto che, a parere di De Carolis, doveva essere rispedito al mittente senza pensarci due volte, dal momento che si stava investendo del compito di rappresentare la nascenda coalizione una donna che è sempre stata vicina alla sinistra turese.

***

«Le recenti vicende politiche in occasione delle elezioni amministrative di Maggio che stanno caratterizzando e attraversando il circolo di Fratelli d’Italia Turi, mi hanno obbligato ad una approfondita riflessione.

Ben si conosce come il mio accesso alla “politica” sia stato determinato dalla volontà di rendermi utile al mio paese e solo da quello, in un partito, Fratelli d’Italia che identifica fino in fondo il mio credo politico fin dall’infanzia, infatti ben nota è in paese la coerenza a quella ideologia appartenente alla destra sociale della famiglia De Carolis.

Nessun impegno politico se non militanza, sempre a destra, ha contraddistinto la mia vita sino al momento in cui mi sono presentato per la prima volta alle Elezioni Comunali nel maggio 2012 in una lista civica di centro destra e sono stato eletto. Successivamente è maturata la decisione di tesserarmi al partito di Fratelli d’Italia in quel di Turi, dove sin da subito si è instaurato con i colleghi tutti, tesserati e simpatizzanti, un rapporto di fiducia a tal punto da essere nominato con il congresso cittadino Coordinatore del partito e prendere in mano una realtà ben strutturata con duro lavoro e sacrificio di tutti i componenti.

Coerenza, vicinanza al territorio e ai cittadini, molti comizi e gazebo in villa, raccolta firme hanno caratterizzato in questi anni il nostro percorso politico locale e non, sempre per il bene del paese, non sotto elezioni, e rappresentavamo davanti alle istituzioni e alla popolazione tutta il centrodestra a pieni titoli, visto che le altre forze amiche erano completamente assenti, consapevoli che dovevano spuntare come funghi sotto elezioni.

Per impegni di lavoro delego un mio dirigente a rappresentarmi ai tavoli di concertazione ed avviare così quella che sarà la futura squadra che contenderà il palazzo municipale con le altre forze politiche.

Ben chiare sono le condizioni che ci prefissiamo: chi farà parte della lista dovrà avere caratteristiche specifiche non accettando da altri piatti pronti e serviti.

Da subito abbiamo una condivisione con la Lega neoformata e con Forza Italia a tal punto da essere quasi nella posizione di concludere e uscire come coalizione pronta a presentarci e confrontarci con le altre realtà sia civiche che della società civile, formando un allargamento compatibile .

La decisione delle mie dimissioni è scaturita a malincuore quando improvvisamente si manifesta incompatibilità tra i principi che animano noi uomini e donne di Fratelli d’Italia e altri componenti che in maniera del tutto illogica, pretestuosa e inconcepibile hanno deciso di dare fiducia senza battere ciglia e contro il mio volere, essendo il coordinatore responsabile del partito, ad una candidatura a Sindaco di una donna che, sebbene rispettabile sul piano personale, nulla ha di condivisione con i dettami del centrodestra turese, essendo stata più volte candidata in liste di sinistra, andando contro nel 2007 anche alla lista di Gigantelli, e che per nulla quindi può rappresentare un centrodestra. Contrariamente al nostro candidato Sindaco, del nostro partito, che da sempre abbiamo condiviso all’interno per essere presentato ai tavoli di concertazione, consapevoli di poter fare un passo indietro davanti ad altri candidati che non venissero da partiti avversari, ed essere disposti se c’erano le condizioni anche ad eventuali primarie in modo tale da dare veramente un segno tangibile di cambiamento dove finalmente i cittadini scelgono il loro sindaco che non viene calato dall’alto dei poteri.

Consapevole, per educazione ricevuta, che un minestrone siffatto non avrebbe il consenso della cittadinanza e metterebbe la mia persona in netta difficoltà al cospetto della gente, dovendo anche tutelare i nostri elettori da questa vergogna, avendo dato la fiducia al candidato Sindaco di sinistra imposto senza batter ciglio e contro la mia volontà, decido di dare le dimissioni da coordinatore cittadino e di rimettere tutti i mandati in mio possesso.

Voglio ringraziare di cuore gli amici e i militanti con i quali ho condiviso quattro anni di impegno, lotte e fatiche. A tutti loro la mia stima e il mio affetto, pur nella divergenza delle opinioni. Fratelli d’Italia può avere un senso, una “ragione sociale”, se saprà, con l’aiuto di tutti, trovare il coraggio di essere all’altezza del nome che si è voluto dare, altrimenti, purtroppo, mancherà alle premesse e alle promesse in cui tanti, io per primo, abbiamo creduto».

Commenti  

 
#santacoerenza
#6 #santacoerenza 2019-04-25 00:48
Qualcosa non mi torna... il signor coerenza si dimette perché nn condivide la scelta del candidato sindaco e ora candida la nipote nella stessa lista, non doveva salvare gli elettori da questa vergogna???
A vergognarsi ora dovrebbero essere i sostenitori delle cause perse!
Citazione
 
 
Fantapolitica
#5 Fantapolitica 2019-04-03 23:41
Dr korbik ... le scelte comportano le relative conseguenze... dopo gli onori a Giovanni resta il partito ...a Giacomo il passato!
Citazione
 
 
B.Elefante
#4 B.Elefante 2019-03-19 22:26
SEMPRE I SOLITI PERSONAGGI?
dirà più d'uno.
E dico anch'io.
Ma dico anche: e dove stanno 17 persone mai state in comune disposte a fare una lista di gente completamente nuova e fuori partiti?
E allora....tacciano i fantasmi e facciano i sudditi, e si lascino amministrare dai soliti personaggi.
Personaggi che meglio uniti e pluripartitici che da soli.
Citazione
 
 
B.Elefante
#3 B.Elefante 2019-03-19 22:21
LISTA CIVICA NON DI CENTRODESTRA!
Di qui l'errore di fondo di De Carolis e qualche altro, che, mesi fa si sono riuniti decidendo di mettersi prima d'accordo fra loro, e poi, allargare a qualche (scemo) della società civile.
Ma evidentemente presunzione ed arroganza di chi pensava di far voti di rendita sulla scia dei risultati della lega ad altri livelli, non hanno pagato. Perchè altri ed anche autorevoli persone pure di centrodestra, interessate al paese e non a scannarsi per la poltrona di sindaco, hanno pensato di dare a Turi una amministrazione solida e competente, nè di destra nè di sinistra ma composta da soggetti uniti da serie intenzioni di operare per il paese, e non per se stessi.
Una iniziativa che con Onofrio Resta e Rocco Birardi coordinanti, e l'appoggio di Boccardi e Tonino Coppi, e l'individuata candidata sindaca Tina Resta insieme a qualche altro esponente della sinistra sociale (e non di parrocchia) vola verso una maggioranza ultraassoluta.Che non sarà nè di destra nè di sinistra, ma dei cittadini turesi finalmente uniti e collaboranti.
Citazione
 
 
Andrea2
#2 Andrea2 2019-03-19 17:35
Tanto le elezioni le vince chi riuscirà a convincere che proseguirà il lavoro del commissario, che è amato molto in paese.
Citazione
 
 
Dr korbik
#1 Dr korbik 2019-03-19 11:34
Giacomo questa scelta ti fa onore,meglio ricominciare da zero,piuttosto che essere complici di questa farsa,non so come fa Giovanni a resistere...
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.