Mercoledì 16 Gennaio 2019
   
Text Size

"CulTURIa", un Festival permanente della Cultura

Antonio Tateo

Antonio Tateo propone un contenitore di spessore che abbracci tutte le forme d'arte


Un'idea concreta per promuovere la cultura a Turi?

«È ambizioso, ma organizzare un Festival della Cultura in tanti fine settimana, anche di un certo spessore e per ogni ambito culturale. Partendo dalla Musica, Arte, Teatro, Letteratura, Pittura, Fotografia e Poesia. Si potrebbe chiamare: "CulTURIa"».

 

La "politica dei contributi"

«Elargire contributi non è più possibile per un dettato normativo. Semmai è possibile un intervento co-finanziario del Comune per progetti e idee culturali condivise e dove ci sia un programma ben delineato e con l'indicazione delle fonti di finanziamento. Sono del parere che l'Amministrazione Comunale debba avere innanzitutto un'idea guida e un ruolo di impulso e di coordinamento delle politiche culturali con una visione di insieme di tutte le associazioni.

Negli ultimi anni a Turi c'è stato tanto fermento culturale e tante iniziative associative che meritano attenzione e rispetto. Nei brevi periodi che ho avuto la responsabilità amministrativa e diretta delle politiche culturali ho non solo cercato di aumentare le risorse in bilancio, in quanto consapevole come dice il proverbio che "le nozze non si fanno con i fichi secchi", ma ho avuto il coraggio di pretendere che le associazioni avessero un regolare atto costitutivo, statuto, conto corrente (questo non per capriccio ma per buon senso e perché previsto dalle norme) ed ho sempre cercato di essere autenticamente al di sopra delle parti, guardando oltre l'orizzonte del perimetro politico di cui facevo parte. E questo non solo per un corretto agire etico e amministrativo ma, soprattutto, perché sono del parere che la Cultura sia di tutti. E lo dimostrano gli atti amministrativi e i fatti. Come ad esempio per le attività di riordino e catalogazione del patrimonio librario della biblioteca, di cui se ne occupò un'Associazione presieduta e composta da persone esperte che non solo avevano un titolo di studio indicato per quell'attività ma erano turesi capaci e competenti.

Purtroppo, in questi ultimi anni, alcuni si sono fatti prendere, in qualche caso, dalla "faziosità", dalle simpatie o antipatie, dalle idee politiche diverse o avverse. E questo può aver ingenerato in qualcuno il fatto che l'associazionismo o il rappresentare un associazione sia diventato anche un mestiere per arrotondare o campare. Per evitare qualsiasi equivoco o abuso si potrebbe prendere in considerazione un bando-progetto pubblico con criteri trasparenti e a cui possono partecipare tutti quelli che ne abbiano i requisiti così come fanno in altre realtà comunali».

 

Spazi pubblici a pagamento?

«In via di principio assolutamente contrario, tranne alcuni casi ben circoscritti perlopiù in luoghi chiusi dove era ed è necessario contribuire con una piccola somma. E a Turi ci sono state tali iniziative quali il cinema all'aperto, manifestazioni musicali e teatrali che hanno costi in quanto necessitano di misure di sicurezza riguardo l'afflusso del pubblico».

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI