Mercoledì 17 Ottobre 2018
   
Text Size

"Ciò che si semina si raccoglie"

lettera

“Solo foderi, che atteggiandosi a fucili, sono scesi in guerra e sono stati ammazzati”

Ecco la seconda parte della nostra intervista ai componenti del Movimento Civico Azione Popolare "Angelo Genghi", che dopo aver toccato temi attualissimi, come la revoca in corso del finanziamento della Regione Puglia inerente la figura di Antonio Gramsci, location il Polivalente, proseguono sulle pagine del nostro settimanale.

Campo d'accoglienza in via Conversano. Condividete la scelta operata dal Commissario sulla falsa riga di quanto aveva programmato l'ex sindaco Coppi?

«La soluzione di problematiche complesse è cosa da fare con ponderazione e certamente non in pochi giorni e con l’assillo dell’urgenza. Non si può continuare ad ignorare sistematicamente la problematica in questione sapendo che l’anno prossimo si presenterà puntualmente e magari anche in forma maggiore. L’ex sindaco Coppi per anni ha ignorato la problematica e, quando dal precipitare degli eventi è stato costretto ad intervenire, l’ha fatto precipitosamente ed in malo modo. Si è trincerato dietro scuse infantili, nascondendosi come al suo solito e senza assumersi alcuna responsabilità. Del resto è conosciuto da tutti per questa sua caratteristica negativa.

Il Commissario certamente non è stato aiutato dai dirigenti comunali, che conoscevano bene la problematica riveniente dagli anni precedenti e che avrebbero dovuto proporgli soluzioni idonee e ponderate. Ecco che così ha adottato la soluzione più facile e veloce, che se da un lato ha risolto velocemente il problema dell’ordine pubblico, dall’altro ha creato problemi di ordine economico e soprattutto di disparità di trattamento tra i cittadini turesi e quelli del campo di accoglienza. Se si analizzano i fatti, certamente non vi è equità in quanto i primi (i turesi) sono costretti a provvedere in proprio all’alloggio ed al pagamento delle tasse sia comunali che nazionali, mentre i secondi (gli occupanti del campo d’accoglienza) hanno usufruito gratis di alloggio, di assistenza medica e certamente non pagheranno alcuna tassa. Tutto questo favorisce il sorgere di tensioni sociali e di risentimenti che, per il futuro, si deve in ogni modo evitare».

 

Chi dovrebbe affrontare le spese sostenute? Tutti o solo gli agricoltori che hanno impiegato questa manodopera? E qui da considerare la questione che non sono solo agricoltori turesi ad usufruire degli stessi...

«Ogni soluzione, per quanto possibile, deve cercare di tener presente i diritti ed anche i doveri di tutti, cercando di non discriminare alcuno. Per quanto detto prima ognuno deve essere messo in uguali condizioni per non creare tensioni sociali, ecco perché pensiamo che le spese devono essere sostenute direttamente dagli interessati, eliminando in tal modo la disparità di trattamento tra turesi ed occupanti il campo d’accoglienza. Si possono studiare diversi modi per affrontare la problematica delle spese, ma tutte devono essere improntate ad un senso di equità e di pari dignità e soprattutto non devono pesare sul bilancio comunale e di conseguenza sulle tasche dei turesi.

Un concetto che ci preme sottolineare è il seguente: quando interveniamo a favore dei nostri connazionali o cittadini, non significa appartenere a nessuna casta, né tantomeno partito politico, e ciò non costituisce nessuna forma di “ignoranza” o di razzismo, è semplicemente la messa in pratica del concetto di eguaglianza e di pari dignità e trattamento. Per mettere in pratica e nel miglior modo possibile quanto innanzi occorrono controlli più seri ed assidui per evitare abusi sia da parte degli agricoltori (che non ingaggiano e che non corrispondono le giuste tariffe), sia da parte dei braccianti agricoli (non tutti dichiarano il percepito e di conseguenza non pagano alcuna tassa).

Per quanto attiene la questione inerente l’uso di tale manodopera anche da parte di agricoltori non turesi, a maggior ragione vale quanto innanzi detto, che se correttamente applicato eliminerebbe tale problematica».

 

Cosa ne pensate delle dimissioni del segretario Giuseppe Gravinese?

«Noi riteniamo che avrebbe dovuto effettuare questa scelta già tempo addietro, anzi ci domandiamo come mai solo adesso? Infatti, se i motivi addotti a giustificazione, come da Lui detto, sono di carattere professionale, bene ha fatto in quanto per fare politica nel miglior modo possibile occorre avere del tempo a disposizione da impiegare per ascoltare la gente, studiare, programmare e fare proposte. Ecco perché pensiamo che avrebbe fatto cosa giusta a dimettersi molto tempo prima. Se poi i veri motivi sono di natura politica o di altro genere, allora ha fatto male in quanto un vero uomo affronta le difficoltà e cerca di superarle impegnandosi per spiegare e far valere le sue ragioni ed il suo pensiero, non abbandona la nave alle prime difficoltà».

 

Un'ultima domanda sulle prossime elezioni comunali. Quale sarebbe il vostro candidato sindaco ideale?

Nelle risposte alla seconda e terza domanda abbiamo già risposto al quesito, per cui non vogliamo ripeterci. Riteniamo che, al momento, Turi non abbia la fortuna di avere tra gli attuali personaggi politici e probabili candidati sindaci quanto da noi auspicato e descritto innanzi! Purtroppo tale nostra personale convinzione è suffragata dai fatti e dai personaggi politici attuali in circolazione a Turi, che in campagna elettorale si fanno grandi, promettendo a destra ed a manca, ma poi come al solito il nulla di fatto! Speriamo che una buona parte dei turesi finalmente non si faccia “comprare” oltremodo da questa gente e che gli abbiano finalmente conosciuti e smascherati. Solo foderi , appunto, che atteggiandosi a fucili, hanno avuto la presunzione di scendere in guerra come validi e preparati soldati e sono stati puntualmente ammazzati! Ed i risultati sono evidentissimi!(I componenti sorridono)».

Commenti  

 
Cittadiniii
#1 Cittadiniii 2018-10-12 10:58
La sacrosanta verita'....Bravi, ottima intervista!
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI