Martedì 11 Dicembre 2018
   
Text Size

Nessun accordo con persone litigiose

PAOLO TUNDO

Paolo Tundo commenta la nomina di Ventrella e apre a
una lista che sappia guardare anche "oltre il centrodestra"


«Ho appreso con grande felicità la notizia della nomina di Natalino Ventrella anche perché è una persona che mi ha colpito per quello che ha detto: "Entro in Forza Italia per dare un sostegno senza chiedere nulla, nessuna candidatura. L'ho apprezzato tantissimo, non è cosa abituale di questi tempi».

Così Paolo Tundo, coordinatore cittadino di Forza Italia, commenta la notizia della nomina di Ventrella alla guida del Dipartimento Enti Locali del partito. Il discorso passa poi sui preparativi in vista dell'appuntamento con le urne di maggio 2019.

Per prima cosa cerchiamo di capire se è stato ricucito lo strappo, consumatosi qualche mese fa, con Fratelli d'Italia. «Non ho nulla contro Fratelli d'Italia - risponde Tundo - quando ci siederemo con il loro coordinatore sarà mia premura discutere di programmi. Il mio obiettivo è creare le condizioni per un centrodestra forte e coeso, non sono disponibile a fare accordi con persone litigiose, che spostano l'asse del confronto politico sull'offesa personale».

«La lezione che ci ha dato la sinistra - aggiunge - non deve essere dimenticata: sono caduti per la loro continua litigiosità interna, ed alla fine oltre a portare avanti una pessima gestione amministrativa hanno destinato Turi al commissariamento».

 

Oltre il centrodestra

«Porte aperte - prosegue il coordinatore cittadino - a chi si confronta correttamente, dialoga e insieme pone le basi per un governo che consegua il bene di tutti. E, in tale logica, sono disponibile ad andare anche oltre i confine del centrodestra, coinvolgendo persone della società civile, di alta responsabilità, che a prescindere dal partito di appartenenza si riconoscano nel nostro programma».

 

I prossimi amministratori dovranno avere coraggio

«A fine maggio si vota e chi gestirà Turi si troverà con una macchina amministrativa in seria difficoltà, visto che nei prossimi mesi altri dipendenti comunali andranno in pensione. Chi amministrerà, dunque, dovrà avere coraggio, dovrà saper governare con sinergia e coesione con il personale che si ha a disposizione in attesa delle assunzioni. Ecco perché è necessario lavorare per una lista fatta di persone equilibrate e responsabili. Se non ci saranno queste condizioni, posso anche fare un passo indietro e stare a casa».

Commenti  

 
OLTRE
#1 OLTRE 2018-09-25 18:55
ancora una volta ci si inventa qualcosa che va OLTRE... stavolta oltre il centrodestra.. Ma cosi non si corre il rischio di vedere sempre...OLTRE... e non si guardano le buche davanti ai piedi? Tundo Tundo...
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI