Venerdì 19 Ottobre 2018
   
Text Size

La battaglia per le scuole di Giusy Caldararo

Giusy Caldararo

A Noicattaro sì e a noi no. L’ex assessore stana l’inciucio tra Emiliano e grillini

L’ex assessore Giusy Caldararo ha scoperto, attraverso un post Facebook del sindaco di Noicattaro Raimondo Innamorato (MoVimento 5 Stelle), che la giunta regionale ha decretato una sede distaccata dell’Alberghiero ‘De Lilla’ di Polignano presso l’Istituto Comprensivo ‘Pende’ della città nojana.

La Delibera di Giunta Regionale Puglia n. 251 del 01 marzo 2018 ha autorizzato l’attivazione della sede distaccata.

Questa delibera arriva ben oltre il termine di scadenza già previsto per tutte le Scuole della Regione Puglia, fissato per il 20 novembre e il 30 novembre del 2017.

Ma allora perché a Noicattaro sì, e a Turi no? Come mai la battaglia dell’allora assessore Caldararo è stata ignorata?

“La battaglia continua – ci fa sapere la prof – anche se non sono più assessore”. Infatti, l’ITES ‘Pertini - Anelli’ di Turi scenderà sotto i 600 alunni e perderà l’autonomia. La giunta regionale Emiliano respinse la proposta della Caldararo, sancita con Delibera di Consiglio Comunale, di unire l’ITES di Turi con l’I.SS. ‘Consoli-Pinto’ di Castellana.

Perché l’Amministrazione 5 stelle ha ottenuto il distaccamento, persino in deroga a tutte le disposizioni e fuori tempo, mentre Turi bocciata ora dovrà aspettare il prossimo ottobre per il nuovo piano di dimensionamento? Sicuramente per una questione politica; Emiliano sta strizzando l’occhio ai 5 stelle e ha concesso il ‘regalo’ ai pentastellati nojani.

La Caldararo giustamente è su tutte le furie: “È un precedente gravissimo e pericoloso. Ho scritto all’attenzione del Commissario Prefettizio di Turi e l’ho incontrato, è stato squisito e disponibile. Ho parlato con il preside Roncone. Ho combattuto per 4 anni, e continuerò la mia battaglia per la scuola del mio amato paese, anche se non sono più assessore. Ora sono libera, anche se in realtà già non mi sentivo parte del PD. Sto andando contro il sistema e contro i giochi partitici. La Cammalleri non mi ha nemmeno risposto, perché forse ho toccato il sistema?! Emiliano è un pasticcione e ne sta combinando tante: ha affidato l’Acquedotto Pugliese a un esponente di destra, sta chiudendo i pronto soccorso, e ora scopro quest’ultima bravata. A Turi siamo stati messi sotto i piedi. Continuerò la mia battaglia…”.

NIC.TEO.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI