Venerdì 20 Luglio 2018
   
Text Size

Un salvagente 'Risplendente'

Risplendente

Mentre l’opposizione si ricompatta, e fa sapere di voler votare contro il bilancio, in queste ore la segreteria del Partito Democratico turese fa pressioni sul consigliere Giuseppe Tardi affinché si dimetta. A rivelarlo è Sandro Laera. Il piano diabolico farebbe così scattare il dott. Risplendente, il “salvagente” calato per il sindaco Coppi che naufraga lentamente in queste ore.

Con che coraggio Risplendente salverebbe un’amministrazione così fallimentare? Vedremo. Il consigliere Tardi ci fa sapere, tramite WhatsApp, che la sua uscita dalla maggioranza è irremovibile. Tardi ha avuto solo contatti telefonici con il segretario del PD, Gravinese.

Intanto, i consiglieri comunali di opposizione Arianna Gasparro, Anna Gasparro, Mariangela Volpicella, Rocco Birardi, Sandro Laera, Leo Spada, Fabio Topputi, Paolo Tundo prendono atto delle dimissioni del Sindaco Coppi e “comunicano e rassicurano i cittadini turesi che la loro azione politico-amministrativa rimarrà chiara e coerente per il bene comune, senza alcun tentennamento e aiuto verso nessuno, in quanto rimangono ferme e attuali tutte le motivazioni di non condivisione dell'operato amministrativo dello stesso Sindaco e dei rimanenti consiglieri di maggioranza”.

Nell’intervista che ci ha rilasciato, Laera fa sapere che se Coppi ritirasse le dimissioni, voterebbero contro la fiducia sul bilancio. A proposito di Laera, ci mette lo zampino molesto Carmine Catalano, il quale sostiene che il centrodestra turese non sia così unito come appare, e non sia ancora pronto per nuove elezioni, che comunque vada si terranno l’anno prossimo.

Comunque, il tentativo disperato di salvataggio di Coppi potrebbe arenarsi già dopo il prossimo 27 marzo, giorno in cui è stato convocato in sessione ordinaria il Consiglio comunale. Nella seduta i consiglieri saranno chiamati ad approvare la modifica del regolamento TARI, al fine di porre rimedio all'errata interpretazione sul calcolo delle pertinenze e procedere con i rimborsi nei confronti dei cittadini che ne hanno diritto. In parallelo, si provvederà ad approvare il Piano Finanziario per l'anno 2018 per l'applicazione della tassa sui rifiuti con le relative tariffe e scadenze di pagamento. Dopo aver votato per la conferma delle aliquote dei tributi comunali, il Consiglio si chiuderà con gli indirizzi generali per il nuovo capitolato della mensa scolastica valido per il quadriennio 2018-2022.

Salvo inverosimili colpi di scena, questa potrebbe essere l’ultima assise pubblica dell’era Coppi.

Alla fine, si è pagata la scelta di ignorare consapevolmente i malintesi che covavano in maggioranza dall'inizio della consiliatura, scegliendo di volta in volta il "pupillo" che faceva più comodo e lasciando che i "dissidi" si incancrenissero fino a far implodere l'intera squadra di governo. E si è pagata anche l'assordante assenza di comunicazione, l'incomprensibile ostinazione a "lavorare in silenzio", come se si fosse impiegati nell'azienda di famiglia e non si sentisse l'urgenza di condividere con i cittadini percorso e scelte. Salvo poi rifugiarsi nel confortevole alibi della "cattiva stampa locale", colpevole di soffermarsi troppo sulle beghe di Palazzo e non dare il giusto spazio alle "grandi opere in cantiere".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI