Sabato 22 Settembre 2018
   
Text Size

Emergenza neve affrontata male

Giovanni Settanni

Giovanni Settanni denuncia: “Una non-decisione e il solito pressapochismo”

L’emergenza neve a Turi è stata affrontata con il solito presappochismo. A neve sciolta, parla Giovanni Settanni, che torna sulla questione maggioranza che di fatto non c’è. Aspettando Tardi…


Ci sono stati problemi anche sull'ordinanza per neve. Cosa è accaduto?

“Sull'ordinanza della neve è successo la solita "litania" di questa amministrazione: una non-decisione che poi porta solo a disservizi per i cittadini. Fate conto che la sera del 26 febbraio "qualcuno" ha dimenticato di spargere il sale alle entrata della Scuola Elementare e Media...”.


Come è stata affrontata l'emergenza neve?

“L'emergenza neve è stata affrontata con il solito pressapochismo, perché in alcune arterie importanti del Paese non sono passati con lo "spargisale"? Perché l'ordinanza di chiusura immediata della scuola è stata scritta dopo le 13? Cosa dicevano i bollettini meteo della Protezione Civile Nazionale e quello regionale?”.


Alcune forze politiche sostengono che la maggioranza ci sia ancora. È così nei numeri...

“Quelle forze politiche che ancora sostengono che ci sia la maggioranza o fanno uso di oppiacei, essendo loro favorevoli agli stessi, o hanno gravi problemi con la matematica. Ma forse "mentono sapendo di mentire"! Il Bilancio quando sarà discusso? La Sagra della Ciliegia Ferrovia quando sarà affidata con un accordo di programma all'Associazione in Piazza? Il Sindaco è "sotto schiaffo" politico dell'Assessore Caldararo per la questione sagra? Se sì, perché?”.


L'opposizione e il centrodestra sono pronti per una alternativa di governo della città?

“L'opposizione di centrodestra è pronta per costruire un'alternativa di governo credibile per Turi. "Noi"dobbiamo essere bravi non solo nel vincere le prossime amministrative ma dobbiamo essere capaci e lungimiranti per provvedere ad una Turi migliore! Il progetto non è "Turi 2019" ma "Turi 2029"; dobbiamo pensare "in grande" e programmare un vero e duraturo progetto di sviluppo del Nostro Paese. A Turi serve uno "shock" emotivo positivo, i futuri amministratori devo mettersi al servizio di Turi: testa, cuore e passione!”.


Le piace De Carolis come possibile candidato sindaco di una coalizione trasversale?

“Il nome del Dott. De Carolis mi garba molto perché è un uomo di Destra ed è uno che ama molto i turesi e Turi. Ma il problema non è solo la scelta del Candidato Sindaco, ma la squadra della lista che deve appoggiare un Candidato Sindaco non scelto nelle "stanze di partito" ma dal popolo! Il 4 Marzo è importante anche per questo! Il Centrodestra deve vincere per dare all'Italia un governo credibile e duraturo e a Turi, chi veramente vuole nel 2019 una ventata nuova, volendo premiare chi da sola ha praticamente combattuto contro un'amministrazione iniqua e dannosa, deve votare e far votare Fratelli d'Italia! Abbiamo bisogno che i TURESI ci diano la spinta per continuare a crescere e a sognare una Turi migliore. Chi vuole il CAMBIAMENTO a Turi vota Fratelli d'Italia!”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI