Giovedì 19 Ottobre 2017
   
Text Size

Caro Ingegner Camposeo...

L'ingenger Pietro Camposeo

A Turi non è alto il livello di odio, bensì quello dell’incapacità progettuale ed amministrativa, la vostra!

 

Siamo costretti a ritornare sull’argomento in merito all’ultimo Consiglio comunale, in cui non è mancato proprio nulla. Ci sono state persino baruffe verbali tra il signor Carmine Catalano e Sandro Laera su alcune note stonate inerenti il ponte: nonostante le denunce, in assise, il signor Catalano accusa il signor Laera di non aver menzionato come per miracolo il suo nome, si litiga su chi ha fornito più denunce e si perdono di vista gli obiettivi comuni, ovvero la chiarezza e la risoluzione dei problemi.

Altra nota da evidenziare è quella inerente la giustificazione ridicola dell’ingegner Camposeo, il quale dichiara che: “Lui, non c’entra nulla con gli errori progettuali e lavorativi del famigerato ponte della schifezza di via Conversano”. Egregio dottor Camposeo, ma lei conosce il detto locale: "Vai ad appuzzire un altro pozzo"? Come può sostenere che vi eravate da tempo accorti degli errori progettuali, ma non potevate far nulla per intervenire in quanto costretti a pagare una penale, se aveste perso il finanziamento e non aveste finito di pagare la ditta appaltatrice entro l’anno? E come ha potuto far finta di non vedere che il progetto fosse completamente sballato? Ha taciuto, appunto, per non incorrere nei suddetti rischi. È già qui si riscontra la gravità della cosa, se ne rende conto? Ha finto di non vedere, di non sentire, risultato: un ponte brutto da vedere e pericolosissimo da percorrere, peggio di prima, che ogni giorno è lì sotto gli occhi di tutti.

E adesso, chi ne risponde? Chi pagherà i lavori necessari alla messa a norma e sicurezza del ponte? Ma le sembrano giustificazioni valide queste? E come può ribadire che non è colpa sua "in quanto il progetto rinviene dal passato"? Il progetto di demolizione e ricostruzione del ponte è della vostra amministrazione, di cui anche lei ne fa parte, originariamente era previsto solo in progetto della Lama, quindi di conseguenza il suo. E comunque esiste una delibera di giunta, la vostra. Ma perché non vi assumete le vostre responsabilità? Ci sembrate abbastanza adulti, almeno anagraficamente disquisendo. Ma i cittadini di Turi, li ha presi per ebeti in massa o cosa? Ci sono delle gravissime inadempienze e responsabilità da parte sua e vostra in merito e lei, pur sapendo ciò, mente a se stesso e vorrebbe farlo anche con noi… Ma non è per niente convincente.

Sin dai tempi del progetto, noi del Movimento e non solo, anche altri gruppi si associarono, vi avevamo fatto notare, carte alla mano, gli errori progettuali del ponte. E lei/voi? Avevate risposto: "Il progetto va bene così com’è. Anzi è migliorativo". Ma dove? Per cosa? Inoltre, il ponte, su cui attualmente indaga la Magistratura, la Corte dei Conti ed il Ministero dei Lavori Pubblici, è da allargare, da mettere in sicurezza, sono stati usati materiali scandenti, quelli di risulta sono ancora lì, ed altra gravità. Ad esempio, nel frangente in cui il Ministero dei Lavori Pubblici - il quale non si è attualmente pronunciato in merito - ha effettuato dei rilievi, si è contrapposto un collaudo di un tecnico qualsiasi per l’apertura. Ovvero ad un parere di un giudice, si è contrapposto quello di un privato. E guarda caso nella ricostruzione del ponte, originariamente, ribadiamo, non previsto nel progetto, il budget speso è esattamente quello preventivato, previsto nel finanziamento.

Come vede, caro Ingegner Camposeo, la realtà la inchioda, lei è complice esattamente quanto i colleghi della sua coalizione in merito a quell’obbrobrio di ponte che collega Turi con Conversano. Noi del Movimento richiediamo, inoltre, le risposte ancora non pervenuteci a riguardo di tutte le richieste protocollate e quelle fatte pervenire voi a mezzo stampa locale.

Infine, approfittiamo per ringraziare tutti coloro i quali in questa prima settimana ci hanno scritto numerose mail, segnalandoci parecchi disservizi. Ci scusiamo se non rispondiamo in tempo utile a tutti, data la mole delle mail ricevute, ed invitiamo a continuare a segnalare all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Movimento Civico Azione Popolare "Angelo Genghi"

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI