Venerdì 20 Ottobre 2017
   
Text Size

La maggioranza è ancora in crisi. Camposeo in silenzio stampa

consiglio comunale Turi

Fabrizio Resta (Sinistra Italiana): “Il Commissario prefettizio non farebbe molto di più”


Martedì 5 settembre il sindaco Coppi ha riunito la maggioranza. Si è trovata l’intesa? In parte sì, in parte no. C’è ancora crisi. Almeno queste sono le poche considerazioni che abbiamo raccolto. Mentre alcuni esponenti, come il consigliere Camposeo (dimessosi da capogruppo) si sono chiusi in silenzio stampa: “Spiacente – ci risponde Camposeo – fino al giorno del Consiglio comunale non intendo rilasciare dichiarazioni a nessuno”. Che farà Camposeo? Voterà la mozione di sfiducia? E Pedone che aveva rimesso le deleghe, che farà?

La maggioranza comunque resta ancora divisa sulla questione ponte e non solo. Il Consiglio comunale è martedì 12 settembre, al termine del quale le opposizioni terranno un comizio pubblico. In Consiglio sarà presentata la mozione di sfiducia e capiremo se la maggioranza si presenterà unita o, al contrario, se non ci saranno più i numeri per andare avanti.

Intanto siamo riusciti a parlare con Fabrizio Resta, segretario di Sinistra Italiana.

 

Rispetto al ponte, voi sostenete che ci siano altre priorità. Vogliamo elencarle tutte?

“Noi di Sinistra Italiana (a proposito non siamo più Sel) ci siamo impegnati stanziando una somma consistente allo scopo di migliorare l’area adiacente al ponte, che sicuramente aveva necessità di una serie di interventi in termini di luminosità, di segnaletica e altro ancora, ma non abbiamo mai parlato di intervenire strutturalmente.
Noi siamo dell’avviso che quel tipo di opera non trovi riscontro nelle reali esigenze dei cittadini e se fare politica significa allontanarsi dalla vita quotidiana, dalla vita dei cittadini che amministri, forse vale la pena fare un passo indietro e chiederci cosa stiamo facendo. Le priorità di questo paese le abbiamo snocciolate in più riprese. La situazione del cimitero necessita di un immediato intervento, è importante restituire la giusta attenzione ai nostri bambini che non hanno neanche la possibilità di giocare in sicurezza, la manutenzione delle strade, tanto per citarne alcune. Chiaramente non possiamo fare tutto ma c’è così tanto da fare che sarebbe il caso di non perderci su obiettivi scarsamente produttivi”.

 

Cosa ha detto il sindaco nella riunione di maggioranza di martedì 5 settembre?

“Era una riunione per soli amministratori quindi forse è il caso che chiediate ad un consigliere”.

 

La maggioranza è sempre stata problematica. Che ne pensa del merito di questa mozione di sfiducia? 

“C’è chi investe sulla protesta, c’è chi investe sulla proposta. Abbiamo lavorato intensamente in questi 3 anni iniziando sin da subito a svolgere una serie di attività finalizzata alla verifica della struttura organizzativa, anche nell’ambito della dotazione delle risorse umane. Questo Comune ha sempre vissuto in piena emergenza dal punto di vista del personale e per questo motivo in questi anni abbiamo assunto molte figure lavorative e la situazione è decisamente migliorata. Abbiamo reperito molti fondi che in parte abbiamo già utilizzato e abbiamo in cantiere molti atri progetti tra cui il piano viario. Ci siamo occupati dei più poveri: abbiamo aggiornato la situazione dell’Edilizia popolare che era bloccata da anni e tanto altro ancora. Per questo motivo non credo che ci siano le premesse per una mozione di sfiducia anche se, è chiaro, l’opposizione deve fare la sua parte”.

 

Il centrosinistra turese si presenta frammentato. Se dovessimo votare oggi, quale sarebbe un vostro progetto? 

“Se guardiamo la nostra situazione sicuramente il centrosinistra parte in salita, ma è una condizione che riguarda un po’ tutta l’Italia. Noi siamo pronti ad avviare un percorso politico e programmatico congiunto con chi avrà voglia di mettere da parte i vari protagonismi personali e rimboccarsi le maniche per migliorare questo paese. Gli interlocutori di certo non mancano e non ci faremo di certo cogliere impreparati. Di sicuro non commetteremo più alcuni errori che abbiamo commesso nelle ultime elezioni. D’altra parte se Sparta piange, Atene non ride. Il centrodestra non è certo un modello di unità e lo hanno dimostrato fin da subito in Consiglio comunale, non riuscendo neanche a fare sintesi sui gruppi consiliari. Persino la mozione di sfiducia li ha visti divisi. Per questo motivo credo che nessun centrodestra riuscirà a far cadere questa amministrazione”.

 

Il Commissario prefettizio metterebbe un po' di ordine? 

“Questa amministrazione sin da appena insediata ha dovuto mettere in ordine un bel po’ di situazioni spinose lasciate in sospeso dalle precedenti amministrazioni. A parte l’emergenza personale c’erano anche un bel po’ di problemi con i bilanci precedenti che abbiamo dovuto approfondire con la Corte dei Conti, il problema delle aree edificabili che è ancora un problema che stiamo cercando di risolvere e più in generale il settore Urbanistica, alquanto impegnativo e pieno di lacune, ritardi e con molte situazioni ancora da risolvere. Quindi no, non credo che il Commissario prefettizio potrebbe fare molto di più”.

Commenti  

 
Santo
#1 Santo 2017-09-11 22:33
Ma per favore sig. Resta, ma se la maggior parte dei problemi sopracitati e soprattutto quella delle aree edificabili l avete creata voi stessi! Come potete far meglio di un commissario prefettizio?
Siete dei maniaci dei vostri ideali fuori moda. Come avete fatto a votare quei valori esagerati in consiglio?...ve lo dico io....l avete fatto solo perché siete dei maniaci...credete che i possessori delle aree edificabili sono Proprietari ricchi sfondati da dover tassare per ridistribuire la ricchezza.
Andate a casa prima che fate ulteriori danni.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI