Lunedì 16 Dicembre 2019
   
Text Size

"Mala gestione della cosa pubblica"

Leo Spada 21.12.2016

Tra i consiglieri d'opposizione è forse Leo Spada quello che, nei confronti della maggioranza, ha le maggiori riserve ed i maggiori conti in sospeso. D'altronde Spada non ha mai fatto mistero della sua enorme delusione a seguito dell'esperienza, a suo dire fallimentare, delle larghe intese del gruppo "Impegno per Turi", gruppo da cui da tempo egli si è dissociato.

Nell'intervista che di seguito proponiamo, Leo Spada affronta le più svariate tematiche tutte però volte a ribadire quella che lui definisce un'assoluta "mala gestione delle cosa pubblica" da parte dell'attuale Amministrazione.

Consigliere Spada, cosa intende precisamente per "mala gestione delle cosa pubblica" quando parla dell'attuale Amministrazione?

"Posso fare molti esempi. L'ultimo episodio riguarda il bando inerente al rifacimento del campo sportivo. L'ufficio tecnico aveva una somma inferiore ai 40 mila euro da impegnare e si sa che per somme inferiori a 40mila euro non è necessario fare nessuna tipologia di gara ma si può fare benissimo una trattativa privata; basta chiedere due o più preventivi. Questo dà la possibilità di risparmiare tempo e di toccare con mano la qualità del lavoro che propone la ditta. L'Amministrazione ha voluto invece optare per le vie più lunghe, senza pensare alle conseguenze. Gli Amministratori hanno fatto così un bando di evidenza pubblica ed è venuto fuori che si è aggiudicata la gara un'impresa che si occupa di scavi e movimenti terra. Sta di fatto che mercoledì 3 maggio è stato l'ultimo giorno utile per la presentazione dei documenti e mancavano alcuni adempimenti sia amministrativi che tecnici. La gara è andata persa ed abbiamo perduto un anno senza arrivare a nessun risultato per un qualcosa che si poteva fare privatamente in un mese! Devo prendere nuovamente atto del fatto che l'unico assessorato che funziona in questo paese è quello dei servizi sociali, gestito da Giusy Caldararo".

Nelle ultime settimane si è scontrato pubblicamente con la vicesindaco Lavinia Orlando sul "caso meningite", una vicenda che ha creato molta tensione in paese soprattutto per la scarsa informazione istituzionale. Lei come ha vissuto la situazione?

"Il modo spocchioso e arrogante della Orlando purtroppo è un danno per tutta la comunità. Nel momento in cui non la pensi come lei, tu sei cattivo e lei è quella brava. Quando c'è stato il caso di meningite, se pur non  di una persona che era stata a contatto con gli ultimi migranti arrivati a Turi, lei non ha avvisato nessuno. Qui stiamo parlando di salute pubblica, non di elargire il contributo a quella o a questa Associazione, perché lei solo quello sa fare, e anche a modo suo! Nel momento in cui dei colleghi consiglieri fanno presente una situazione del genere, tu non puoi non avvertire la comunità. Noi non siamo razzisti e mai lo saremo, abbiamo solo chiesto perché non ci avete avvisati. Se la Prefettura fa un comunicato così importante, Turi e i turesi devono sapere. Mettiamo per assurdo che fosse avvenuto il contagio, chi se la prendeva la responsabilità dal momento che non si voleva neppure divulgare la cosa? Se io dico facciamo attenzione, nessuno le sta dicendo che sta andando in giro a contagiare Turi, però la profilassi preventiva l'ha fatta quindi vuol dire che un minimo di dubbio lo aveva anche lei. Al di là della questione immigrazione, la Orlando  parla tanto di tutela dei disoccupati, ma nella ditta che lavora per la differenziata lei e l'Assessore Palmisano non si preoccupano di dare un posto ai turesi disoccupati. I comunisti come lei purtroppo vivono di assistenzialismo, del contributo, vivono "di uova e non di galline". Non abbiamo fatto lavorare neppure un turese per la ditta che effettua la differenziata: non credo che ci vogliano chissà quali professionalità per svuotare mastelli nel cassonetto ed invece chiedevano gente con tutte le patenti: a cosa sono serviti questi requisiti se abbiamo mezzi che si possono portare anche con la patente A? Io non voglio dare l'elemosina ai turesi ma voglio dare loro il lavoro. Lei non fa altro che supportare le Associazioni che dice lei, mentre snobba la Pro Loco, che dovrebbe essere la madre di tutte le Associazioni, perché il direttivo non le sta simpatico. Ma di cosa stiamo parlando?".

Cambiamo decisamente argomento. Un commento sui risultati delle Primarie del Partito Democratico?

"Sulle Primarie mi hanno chiesto di andare a votare. Se pur inizialmente ero tentato, poi ho deciso di no perché non mi riguardano. Credo che se fossi il segretario mi preoccuperei, eppure loro dicono di essere andati benissimo... ma io ho forti dubbi. I dati dicono che il segretario di un partito di maggioranza ha appena sfiorato il 40% . Francamente non mi interessa più di tanto, sto solo analizzando i dati. Hanno creato questo metodo per eleggere in un congresso nazionale un segretario: da traino hanno fatto quelli nelle liste che hanno fatto da "porta acque". Spegniamo un attimino questo entusiasmo eccessivo!".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.