Mercoledì 20 Novembre 2019
   
Text Size

L’opposizione chiede un altro Consiglio Comunale sul ponte

Consiglio Comunale Turi

È stata protocollata il 1 aprile scorso la richiesta di Consiglio Comunale a firma dei cinque consiglieri di opposizione. Sul documento si legge: “I sottoscritti consiglieri comunali, Laera Sandro, Volpicella Mariangela, Tundo Paolo, Birardi Rocco e Topputi Fabio, ritenendo opportuno ed urgente dibattere in merito alla questione: parere rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in riferimento ai lavori eseguiti per la sistemazione della Lama Giotta a Sud e delle aree a Nord della intersezione con la s.p. Turi-Conversano, chiedono la convocazione di un Consiglio Comunale”.

Come ordine del giorno di tale seduta consigliare, si chiede la discussione dello stato dei fatti, le azioni previste così come le soluzioni, “ribadendo la necessità di dover trattare con urgenza l’argomento in questione, la cui estrema importanza è dichiaratamente da tutti condivisa”. Essendo firmata da cinque consiglieri, la richiesta raggiunge il numero legale previsto dal Regolamento comunale, che sancisce che siano a richiederlo almeno un quinto dei consiglieri; per questo l’assise dovrà essere convocata entro e non oltre i venti giorni dalla data di presentazione al protocollo. Ciò vuol dire che entro il 20 aprile si tornerà tra i banchi della sala consigliare.

Ricorderemo come anche l’ultimo Consiglio Comunale fu richiesto dai consiglieri di opposizione. Questo ha generato non poche polemiche tra alcuni esponenti della minoranza, che vedono nell’assenza di Consigli Comunali la totale paralisi dell’Amministrazione Coppi. Secondo alcuni di loro, infatti, la maggioranza sarebbe in affanno anche nella gestione dell’ordinario. È quando dichiara, ad esempio, il consigliere Paolo Tundo, coordinatore e capogruppo di Forza Italia, secondo il quale la mancanza di Consigli Comunali significherebbe che “non stanno gestendo un bel niente” e che “la crisi, ormai sotto gli occhi di tutti, della maggioranza avrebbe paralizzato l’amministrazione”. Dello stesso avviso è anche Laera, capogruppo di Fratelli d’Italia, il quale ritiene che si sia arrivati ad una situazione in cui sarebbe l’opposizione a “dettare i tempi dei Consigli Comunali”. Lo stesso Laera, inoltre, ritiene questa carenza di Consigli il segno palese della disorganizzazione amministrativa e della totale assenza di atti e azioni a cui dovrebbero seguire le assise consiliari.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.