Giovedì 21 Novembre 2019
   
Text Size

Ponticello della vergogna. Ecco la denuncia

La staccionata già rovinata a lavori non ancora conclusi. Una vergogna

Questa settimana abbiamo contattato il consigliere dell’opposizione Sandro Laera. La denuncia riguardo gli scandalosi lavori di Lama Giotta, già annunciata nello scorso numero e depositata in Procura da Laera, è improntata ponendo in evidenza quattro punti fondamentali che lo stesso consigliere ci illustra.

Laera ci spiega: “Innanzitutto l’ipotesi del reato per abuso edilizio, in quanto i lavori sono iniziati ed addirittura quasi terminati senza che l’Ente (Comune di Turi) avesse acquisito il parere del Ministero della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici. In sostanza, il Comune di Turi lo ha ricevuto soltanto in data 23 febbraio 2016, ma la cosa più grave è che il parere del Ministero, cita testualmente “considerando il contesto paesaggistico dell’area interessata all’intervento, si segnala l’opportunità di effettuare opere di inverdimento lungo le sponde dell’alveo e delle gabbionate e di conservare le pareti in pietra a secco che delimitano lateralmente la strada in cui si innesterà il nuovo ponte, prevedendo, a delimitazione e protezione dello stesso, muretti in pietra a secco, anche intervallati da porzioni aperte con chiusure in legno, nel rispetto del disegno esistente, al fine di dare continuità e rendere distinguibile l’asse stradale rispetto alle opere complessive di sistemazione dell’area”.

La staccionata del ponte degli scandali

“Tutto ciò – fa notare il consigliere Laera – non solo non è stato effettuato, ma io mi chiedo e se il Ministero avesse negato la realizzazione dell’opera, oggi cosa sarebbe accaduto? Può essere considerato abuso edilizio aver iniziato e quasi ultimato i lavori senza aver preventivamente acquisito il parere del Ministero della Sovrintendenza per i beni Architettonici? A mio avviso si. Ma saranno le autorità competenti a giudicare”.

Sandro Laera parla anche della realizzazione della carreggiata del ponte e spiega: “Viene realizzata con misure  difformi dalla rappresentazione indicata sulla cartografia (Elaborato G-12) e quindi di 40 centimetri in meno e comunque di dimensioni e traiettorie non consoni ed appropriate alla viabilità della S.P. Turi-Conversano". Ma non finiscono certo qui le perplessità del consigliere, che stila un lungo elenco di difformità: "L’utilizzo di materiali di qualità del tutto scadenti e non corrispondenti a quelli riportati in computo metrico allegato al progetto di variante, (staccionata perimetrale e sponde della lama); aver rendicontato economicamente al 31.12.2015 più del 92% dei lavori, senza aver contestato nulla in riferimento alla regolare esecuzione e realizzazione dell’opera, nonostante la stessa maggioranza abbia dimostrato in più occasioni delle perplessità ed a conferma di tutto ciò hanno anche richiesto il parere del Ministero delle Infrastrutture. Tutto questo e paradossale. Ovviamente tutto è stato corredato da documentazione idonea ed è stato inviato a più enti per le rispettive competenze (Corte dei Conti, Procura, ANAC)”.  

“Confidiamo nella giustizia per il bene dei cittadini turesi” – conclude Sandro Laera, che aggiunge: “Noi di Fratelli d’Italia abbiamo inoltre effettuato denunce\segnalazioni circa le misure di sicurezza adottate per la carente ed inadeguata segnalazione della presenza del cantiere di Lama Giotta e della strada interrotta, indirizzate al Servizio S.P.E.S.A.L. ed I.N.A.I.L. e segnalazione\denuncia per l’ipotesi di utilizzo di prodotti diserbanti nocivi in centro abitato senza le dovute precauzioni previste dalla norma e senza aver rispettato quanto previsto dai capitolati di appalto, il tutto  inviato al corpo di Polizia Provinciale e Corpo Forestale dello Stato.

Continuo a chiedere le dimissioni dell’Assessore Camposeo, perché è inammissibile perseverare nei mancati controlli. Nelle scorse settimane ho ricevuto segnalazioni  che documentano attraverso foto  i danni compiuti durante i lavori di rifacimento della pavimentazione del centro storico e di come sono stati rifiniti i lavori. Continua a mancare il controllo ed io non posso accettare che si ricopra un ruolo per il quale si percepisce una indennità ignorando i cittadini . Invito il Sindaco a prendere delle serie decisioni in merito per il bene del paese e dei cittadini”. 

Commenti  

 
Penelope
#3 Penelope 2016-03-26 16:32
per cui ormai è tutto chiaro: il progetto è sbagliato... se il sindaco mantiene la parola... sa cosa si aspettano i cittadini di Turi.
Citazione
 
 
gino
#2 gino 2016-03-24 21:15
Sandro te lo riscrivono Non devi chiedere le dimissioni, devi protocollare una mozione di sfiducia diretta a far dimettere camposeo. Avremo cosi ll'identificazione del consiglier/i che voterà contro le dimissioni diventando correo del camposeo. Li devi mettere con le spalle al muro in tutti i sensi.
Citazione
 
 
B.Elefante
#1 B.Elefante 2016-03-24 16:48
Buon lavoro. Ma purtroppo la violazione di prescrizioni paesaggistiche è penalmente sanzionata(art.181 del codice) solo quando è costituita da rilevante aumento di volumetria dell'immobile manomesso in violazione di prescrizioni; aumenti volumetrici che in questo caso mancano.
Inoltre non pare nemmeno che quelle dettate dalla sovrintendenza siano prescrizioni, ma solo consigli di opportunità in relazione alla non formale assoggettamento a prescrizione in tal senso del sito, che io sappia.
Penalmente rilevanti potrebbero invece essere gli aspetti della vicenda attinenti il suo profilo esecutivo-contrattuale e le successive fasi. Ad esempio da qualche parte ho letto di un tecnico attestante che la larghezza del ponte corrisponderebbe a quella della carregiata della Turi-Conversano; senonchè i 7,10 metri circa caratterizzano si detta strada, ma per diversi metri innanzi al ponte come subito dopo il ponte la carreggiata misura un metro in più oltre a poco meno di un altro paio di metri complessivi di banchine laterali(eventualmente transitabili...);maggiore larghezza non a caso predisposta in prossimità del ponte; ponte la cui precedente maggiore larghezza rispetto alla carregiata, larghezza arbitrariamente ridotta, è confessata dallo stesso tecnico allorchè dichiara che la larghezza attuale del ponte è uguale a prima ma...calcolata "al lordo" delle strutture laterali(muretti e barriera intransitabile..).
Occorre cogliere dalla documentazione ogni eventuale aspetto denotante omissioni e violazioni e fraudolenze nell'esplicazione dei lavori, che in casi come questo in genere non mancano, a copertura del malfatto e ben pagato.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.