Domenica 17 Novembre 2019
   
Text Size

Laera risponde a Birardi: “Sono allibito”

Sandro Laera

Hanno sorpreso le parole del consigliere di opposizione Birardi, nella sua intervista esclusiva rilasciata sul nostro giornale la settimana scorsa. E a restare basiti, sono stati senza dubbio due dei tre diretti interessati, il consigliere Sandro Laera e il coordinatore di Fratelli d’Italia Giovanni Settanni.

“Sono rimasto allibito dalle dichiarazioni che ha fatto il dott. Birardi – dichiara Laera – anche perché nessuno ha attaccato lui. Si parlava di “tromboni della politica”, ma non era sicuramente riferito a lui. Sul fatto dei voti, è vero quello che lui dice, che non sono stato “il primo eletto”, ma è anche vero che forse dimentica che è arrivato dopo di me in questa competizione elettorale”.

E a questo punto anche le sue parole si fanno un po’ severe: “A prescindere da questo, la politica non è fatta solo di voti, ma anche di passione. Forse lui molte volte l’ha fatta esclusivamente nell’intento di essere eletto, di andare ad amministrare la cosa pubblica, probabilmente non solo per interessi collettivi. Ma questo a me non importa, sicuramente non è il mio obiettivo. Faccio politica perché nel 2007 ho deciso di coltivare questa passione e di portarla avanti con sempre maggior interesse. È chiaro che, come per tutti, nelle competizioni sicuramente si ha voglia e volontà di arrivare primi, altrimenti non si chiamerebbe competizione elettorale. Per il resto, mi sento di dire che sono stato fino ad oggi un consigliere ligio al dovere, non ho una giornata di assenza nei consigli, neanche un giorno di assenza nelle commissioni, quindi penso di aver adempiuto fino ad ora ai miei incarichi, pur non avendo interessi economici”.

La breve dichiarazione di Laera si avvia poi a conclusione, sottolineando, rispetto a qualcun altro, la sua coerenza nei confronti del credo politico per cui ha deciso di scendere in campo: “Sull’aspetto puramente politico, dei simboli politici, anche qui mi sento di dire che non credo di aver fatto alcun “balzello”.  Ho rinunciato ad un “Impegno per Turi” che era  tendenzialmente di destra, ma che poi ha effettuato una svolta brusca a sinistra. Inoltre, al contrario di quanto qualcuno ha detto in passato, non credo di aver tradito nessuno. Sono rimasto a destra e qui continuerò il mio excursus politico, diversamente da quanto qualcun altro sta facendo. Ma a me non interessa, saranno gli elettori a giudicarci”. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.