Giovedì 14 Novembre 2019
   
Text Size

Lettera al Sindaco

Fabio Topputi

Egregio Sig. Sindaco,

ci consenta di ritornare sulla questione della tassazione a Turi per ribadire alcune nostre richieste precedentemente formulate ed ancora prive di riscontro da parte Sua, oltre a rappresentarLe un’altra riguardante la tassazione IMU delle nuove aree fabbricabili sulla base dei valori venali di recente deliberati dal Consiglio comunale.

- Agevolazioni fiscali per i giovani, fino a 35 anni, che intraprendono una nuova attività economica nel nostro Comune:

A seguito di nostre proposte in consiglio comunale, Lei più volte ha manifestato il loro apprezzamento ed ha promesso la convocazione della commissione consiliare sì da poter deliberare la loro introduzione a partire dall’01/01/2015. Le chiediamo, quindi, di dare seguito alla promessa stante l’approssimarsi della fine del corrente anno.

- Pagamento della TARI in cinque rate in luogo delle attuali 3:

Allo stato attuale, le 3 rate sono state previste per il 15/11/2014 (già pagata dai contribuenti), per il 31/01/2015 e 31/03/2015.

La nostra proposta riguarda le rate del 2015 che, in luogo delle 2 programmate, potrebbero diventare 4 con scadenza 31/01/2015, 31/03/2015, 30/04/2015 e 31/05/2015. In questo modo, fermo restando il gettito complessivo a favore dell’Erario comunale, si darebbe “maggiore respiro” ai contribuenti nel pagare il dovuto nel prossimo anno.  

- Pagamento dell’IMU secondo i valori venali delle aree fabbricabili deliberati dal Consiglio comunale il 05/12/2014. Proroga dei termini di pagamento:

La nuova tipizzazione di numerose aree del territorio comunale, secondo il PUG approvato il 19 luglio 2013, e le conseguenti determinazioni del consiglio comunale del 05 dicembre scorso stanno determinando incertezze e confusione nei numerosi contribuenti titolari della proprietà di terreni, ex agricoli, oggetto delle nuove valutazioni ai fini della determinazione della base imponibile IMU oltre che nei professionisti (tecnici, commercialisti ed associazioni di categoria). D’altra parte, non è colpa dei contribuenti se la determinazione dei valori venali è stata deliberata a 10 giorni della scadenza e non precedentemente. Tra l’altro, l’incertezza e la confusione appena richiamate potrebbero generare richieste di chiarimenti da parte dei contribuenti agli Uffici tecnico e tributi del Comune al punto da bloccarli nella loro attività quotidiana.

Pertanto, alla luce delle considerazioni esposte ed a mente dello Statuto del contribuente, chiediamo che la scadenza del 16/12/2014 venga prorogata al 16/01/2015.

Nell’attesa di conoscere le Sue determinazioni in merito, distintamente la salutiamo.

Turi, 11 dicembre 2014                                

                                                          I Consiglieri

                                                  BIRARDI Rocco

                                                  TOPPUTI Fabio Francesco

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.