Martedì 12 Novembre 2019
   
Text Size

De Novellis: “Il mio orgoglio è la trasparenza degli atti!”

Strada-Lidl-Turi

A poco più di un anno dall’insediamento dell’amministrazione Resta, i problemi ereditati dai cinque anni precedenti sembra inizino a ridursi.

Per la famosa strada Lidl invece, progetto nato con l’amministrazione De Grisantis, che associava utilità e sicurezza, pare che oramai i giochi siano fatti. I suoi successori infatti, per il tramite di decisioni poco chiare e poco logiche, hanno trasformato quella strada in un concentrato di accordi, strategie, inciuci, rendendola pericolosa e regalando al paese un altro orrore architettonico.

I nostri attuali amministratori ben poco possono fare dinanzi a simili pasticci. I buoni propositi ci sono, tentano di dimostrare che nonostante la loro giovane età, riescono a far fronte a tanti problemi, trovando quasi sempre una soluzione. Purtroppo ci sono momenti in cui possono fare ben poco e a nulla servono futili frasi di rito per non creare scompiglio all’interno di una maggioranza che può esplodere in qualsiasi momento, se non vengono rispettate determinate regole. Qualsiasi giustificazione non può essere contemplata.

A distanza di pochi metri infatti dovranno giacere due delle strutture tra le più ridicole in assoluto: la rotonda di via Casamassima e  la nascente strada Lidl.

L’assessore con delega all’urbanizzazione Gaetano De Novellis spiega cosa è in progetto “da quelle parti”.

Strada Lidl: nata diritta per renderla sicura. In seguito è stata apportata una modifica che di fatto complica la tranquilla viabilità. Alcuni parlano di favori resi. Ci può dare notizie in merito? Perché si è deciso di variare il progetto iniziale prevedendo una curva così accentuata?

“Io parlo solo di accordo. C’è stato per la prima volta un accordo tra le parti che ha portato alla realizzazione di una strada che sarà importantissima per la viabilità urbana interna in quanto devierà all’esterno tutto il traffico pesante e no da Casamassima a Rutigliano migliorando la viabilità interna non creando disagi alla circolazione”.

Ci sono state delle firme raccolte ed in centinaia di persone hanno dimostrato la loro contrarietà a quella modifica. Come amministrazione avete in mente di non tener conto del parere di tutta quella gente così come hanno fatto i vostri predecessori? E quali sono le decisioni in previsione? Rispettare i patti oppure dare la priorità alla sicurezza?

“Posso dire che l’obiettivo dell’amministrazione attuale e di quella precedente è stato quello di far avere ai cittadini un beneficio: avere una viabilità interna libera dal passaggio di mezzi pesanti. Questo obeiettivo si è potuto raggiungere solo con questo accordo tra le parti. Noi faremo in modo di rendere la strada sicura inserendo anche un muretto che possa delimitare la carreggiata. A tutti i cittadini che hanno firmato dico che questa volontà doveva essere espressa in precedenza perché la nostra amministrazione ha ereditato una situazione tutta ben delineata. Il vantaggio che porterà questa strada, comunque, è ben più grande del disagio nell’affrontare una curva”.

La rotonda di via Casamassima, nel punto di intersezione con via Dell’Andro. Estremamente pericolosa per tanti motivi ed i diversi incidenti accorsi lo dimostrano. Volutamente resa così sbagliata si vocifera per non scompigliare alcuni equilibri. Ennesima grana eredita? State pensando di rimediare?

“La rotonda in angolo con viale Dell'Andro al contrario della situazione precedente mi vede molto contrariato non so quale è stato l'iter amministrativo che ha portato alla realizzazione della rotonda so soltanto che è un problema e un pericolo per l'intera collettività. Per me andrebbe rasa al suolo e in un secondo momento riprogettata. Questa tuttavia è una mia opinione che tuttavia l'ufficio tecnico addetto: quello dei lavori pubblici non sta prendendo in considerazione optando per uno studio che comporti altre soluzioni”. 

A distanza di un anno dal suo insediamento, come definirebbe l'eredità avuta e qual è il più bel risultato che ha ottenuto?

“Un’eredità difficile da affrontare per chiunque ma il mio primo obiettivo raggiunto che considero il più importante non è il PUG portato a termine dall'ufficio senza consulenze esterne che ci ha fatto risparmiare 40-50000€ (cifra detta da tecnici esperti della regione), non è il regolamento edilizio che stiamo studiando, non è l'aver concorso in un bando regionale per la realizzazione di nuova aree verdi, ma è la trasparenza negli atti, in tutti gli atti che escono dall'ufficio urbanistica”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.