Scuola: bisogna vederci chiaro

 Gianvito-Pedone

 

 

Prendendo atto che nel Consiglio Comunale del 29 novembre 2012:
- L’Assessore Maurizio Coppi, in merito alle problematiche della scuola dell’infanzia “Don Tonino Bello” inerenti il sistema di riscaldamento affermava la persistenza di problemi tecnici del vano caldaia, di aver dato mandato direttamente ad un tecnico della ditta RIELLO, piuttosto che della ditta ROMEO, palesando la possibilità, poi verificatasi, della momentanea sospensione delle attività scolastiche.
-l’Assessore Flavio Tundo, in merito ad un aggravio di 6500€ per la voce gas scuola elementare, presente in assestamento di bilancio, non essendo a conoscenza della reale causa del suddetto aggravio, affermava la possibile presenza di una fuga di gas, ovviamente, a valle del contatore senza ponderare la gravità di tale affermazione che richiederebbe la messa in atto di azioni di salvaguardia e tutela immediate per la sicurezza dei bambini, del corpo docente e del personale tutto che opera quotidianamente nella scuola.
Tenuto conto:
- che il plesso di scuola dell’infanzia “San Giovanni Bosco” è ancora momentaneamente chiuso in attesa delle perizie, richieste tramite convenzione con il CNR e il Politecnico, circa la dolina adiacente il suddetto plesso;
- che i bambini sono, sempre momentaneamente, ospitati presso il padiglione B della scuola elementare (in deroga alle norme vigenti) causando il trasferimento delle classi V elementari presso un’ala della scuola media inferiore, oggi satura;
- che si attende l’adeguamento del padiglione D che ospiterà solo 4 sezioni della scuola d’infanzia “San Giovanni Bosco” a fronte delle attualin 5 sezioni ospitate nel padiglione B di scuola primaria e una sezione della scuola “Don Tonino Bello” in realtà refettorio adibita ad aula;
- che si è in attesa dell’adeguamento alle norme per la refezione scolastica per tutti i plessi che usufruisco di tale servizio;
- che anche la scuola elementare ha un sistema di riscaldamento non efficiente in termini di regolazione dello stesso;
- che il problema della scuola dell’infanzia “Don Tonino Bello” persiste oramai da diversi anni, anche a causa della presenza di una condotta di alimentazione probabilmente inadeguata che rende inefficiente il sistema di riscaldamento nel momento in cui entra in funzione il settore cucina presente nel plesso;
Pertanto, si invita:
• produrre una relazione dettagliata dell’intera situazione ed organizzazione scolastica al Consigliere Modesto Cazzetta, attualmente delegato alla pubblica istruzione, nonché assessore al ramo della precedente amministrazione, considerata l’impossibilità a conferire nell’assise comunale per le sue ricorrenti assenze. E’ inammissibile che in quasi 6 anni di mandato non sia stato in grado di risolvere l’annosa questione del riscaldamento presso la scuola d’infanzia “Don Tonino Bello” e la scuola primaria, che non ci siano soluzioni definitive per il servizio mensa e refettori vari per l’intero sistema scolastico, che non ci sia un continuo controllo dello stato di avanzamento dei lavori per il plesso di ”San Giovanni Bosco”, che non siano ancora stati avviati i lavori per l’adeguamento del padiglione D.
• per ovvi motivi di sicurezza, all’immediata messa in atto di tutte le misure necessarie a verificare la veridicità delle allarmanti affermazioni dell’Assessore Flavio Tundo circa la perdita di gas.
• a fornire chiarimenti in merito all’incarico affidato alla ditta Riello piuttosto che alla ditta Romeo detentrice del contratto della manutenzione;
• a fornire delucidazioni in merito al “funzionamento” del sistema di riscaldamento nelle giornate di sabato quando la scuola elementare non presenta attività scolastiche.
Al fine di evitare, il trasferimento dei bambini coinvolti verso strutture eventualmente di paesi limitrofi con tutti i disagi per gli stessi e loro famiglie; visto la delicata e ampia tematica che necessità di immediate e definitive soluzioni, al Sindaco, in quanto garante della tutela e della sicurezza dei bambini,
CHIEDIAMO URGENTEMENTE UN TAVOLO TECNICO
alla presenza dei rappresentanti delle forze politiche consigliari, dell’Ufficio Provinciale Scolastico, dell’Assessorato della Regione Puglia del Diritto allo Studio, dei rappresentanti dei docenti dei tre ordini di scuola, dei rappresentanti dei genitori degli alunni e del dirigente scolastico.

Il coordinatore di
Sinistra Ecologia Libertà di TURI
Gianvito Pedone