Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

L"ANNO 2008 DALLA A ALLA ZETA

 

Albero d’oro. Jàrve d’òre. Il  simbolo vegetale del nostro paese. Peccato che noi, voi, i turesi appoggino, buttino, scarichino sotto di tutto. Che pattumiera all’ombra di quell’albero! Ci chiediamo se un giorno lo lasceremo in pace.  Se riusciremo a tenerlo pulito per noi. Oppure per i nostri figli. O per i… posteri.

Boccardi. Imprenditore intelligente. Bell’uomo. Di classe. Ma vuole (ahinoi e ahilui!) fare il politico, dove è un Secondo (  forse terzo…) della classe. E dà in consiglio comunale il (poco o…) niente di sé. Sé per sé  fa  trentasè. Politico molto Su-ffragato, politico Sopra-valutato. Un 2008  da buttare. Amen.

Cani  randagi. Tanti. Tantissimi. Per la disperazione di Pinocarenza, che dà del ‘tu’ ai Cani e del ‘lei’ a Vacca. Fa venire di giorno gli accalappiacani, mentre i randagi escono di notte. Vai a farglielo capire che non si incontreranno mai!

D’Autilia. Avvocato. Oppositore. Punta di diamante della minoranza. Negli ultimi mesi mezza-punta (s)puntata della minoranza. Lo chiamano il consigliere ‘ mordi e fuggi’ e metterebbe paura a Gigantelli   anche  ‘a folle’. Grande Gianfranco. Ne sa un Pisicchio più del diavolo. Intanto sogna di fare il sindaco. Sogna, sogna…

Elefante. Biagio. Grida. Sgrida.  Denuncia. Sbraita. Ribatte. Controbatte. Bacchetta. Scribacchia. Pontifica. Mistifica. Certifica. E c’è chi lo santifica. Gli piace parlare. Ma più parla, più non si capisce e più la Dop si allontana. Chi DOPo arriva, nell’ IGP alloggia…

Futuro. Chi lo vede nero, chi lo vede grigio. Ma che sia un futuro senza guerra. Un futuro di pace. Un futuro di dialogo.  Dove Berlusconi dialoghi con Bossi, Veltroni con D’Alema e… De Grisantis con Gigantelli.

Giuliani.
Donato. Brava persona. Serio imprenditore. Politico dis-taccato. Dis-impegnato. Dis-inserito. Dis-arcionato. Dis-innescato. Bella gara fra lui e Veltroni a chi ha fatto più danni al partito. Ma se Donato ha fallito, la colpa è anche di chi lo ha messo lì… Chi di Donato ferisce, di Vitonanna perisce. Tradotto: Ora saranno c…zi!!!

Hanno amministrato.
Hanno amministrato? E chi se ne è accorto? I Gigantellis hanno inanellato una discreta serie di indecisioni,  imprecisioni, inadeguatezze, che avrebbero indisposto, indispettito, irritato, irretito i turesi. Ma i turesi pare non  se ne siano accorti. Si spera che nel 2009 i Gigantellis comincino a muoversi. Chi di speranza vive,  disperaTATEO muore …

Impagabili.
Carenza con il suo trattore, Luisi a fermare il traffico e la De Florio con il bitume in macchina. Tutti e tre a chiudere le buche. Bitumazione fai-da-te. Complimenti per l’iniziativa. I turesi ringraziano.

La voce del paese. Turiweb. Sarà l’informazione del futuro. Informazione libera. Informazione senza censura. Informazione Super partes. ( Forse ).  Dove tutti possono dire tutto. ( Quasi ).

Minoranza. Ma che minoranza! Andamento a zig-zag. Fra alti e bassi. Ne  ha combinato una meno del diavolo. Raffazzonata. Divisa. Stressata. Stremata. Hanno reso poco, malgrado abbiano perso il peggiore ( Palasciano), malgrado la presenza di chi crede di essere il migliore ( Ventrella), malgrado i silenzi importanti e pregnanti di Perniola, le decelerazioni di D’Autilia, la bella presenza di Leogrande, le poche frasi ad effetto di Risplendente, gli attacchi e i pentimenti della Resta.

 

Nico(la). De Grisantis. Venditore di parole. Venditore di  fumo. Per i suoi comizi prende in affitto Piazza Silvio Orlandi. Piazzista. Oratore indefesso.  Sfiancherebbe un bufalo. E parla, parla fino a quando non rimane più nessuno. Tuttologo. Tutto-lui-capisce. Il suo menù ideale: Boc a colazione. Pip e Pug a pranzo. Pd  o Pdl a cena.


Obama. Barack. Presidente degli Stati Uniti d’America. L’avvenimento mondiale tra i più importanti del 2008. La speranza al potere. Obama è pronto. Ma il mondo è pronto per Obama?

Paolo. Tundo. Candidato alle provinciali?  Sembra determinato, deciso, destinato. Una candidatura che si fa strada fra i sorrisini perplessi dei suoi amici (?) di Forza Italia e non. Ma lui  va avanti per la sua strada. Ultimamente è più logorroico del solito e i suoi concetti più democristiani del solito. E’ il segnale giusto. Ha la candidatura in tasca.  Auguri.  

Qui a Turi. Qui a Turi si festeggia sant’Oronzo. Con la laicità della festa che prende sempre più il sopravvento. Amen. Che ci azzeccano gli sbandieratori con sant’Oronzo? Solamente diversi secoli di distanza storica!  E all’arrivo del carro palloncini colorati e un mare di garofani planano  sulle teste dei presenti che si affannano a chi ne prende di più, mentre sant’Oronzo dall’alto del carro osserva sconsolato. Citando  Bartali: “ Qui è tutto sbagliato, qui è tutto da rifare!”

Resta.
Tina. Consigliere comunale di minoranza, fra tentennamenti, dubbi, titubanze, attacchi, ripensamenti  ed equidistanze.  Dà la sensazione di galleggiare fra il centro e la sinistra. La sua ( dolce ) mèta è diventare il futuro candidato-sindaco del centrosinistra unito. Unito il centrosinistra? Occhio, allora ti stai rincoglionendo veramente!

Scotella. Vito. Turignolo. L’evento turese mediatico dell’anno. Ne hanno parlato tutti. Nato e morto nel 2008. Chi lo ha ucciso? Comunque ha fatto scalpore e ha fatto scoprire un talento: Scotella. Qualche volgarata di troppo ma Turignolo era così. Prendere o lasciare. Sì, e lo hanno lasciato… morire.

Teresita. De Florio. Comincia l’anno all’attacco. Si danna, si affanna, poi si sgonfia. E sembra sempre sulla difensiva. Fa l’assessore divertendosi  fino a quando le pestano i… Pedibus.  E allora, altro che divertirsi! In consiglio finalmente un giorno prende la parola, ma il sindaco la interrompe in modo brusco. E Teresita si risiede … basita.  

Udc. Brutto periodo  per il partito di Casini. A Turi è un  partito svuotato. Partito  prosciugato. Partito  morto. Partito desaparecido. Partito senza arte né parte. Partito  scomparso. Partito  da andare a  ‘Chi l’ ha  visto?’. Partito …partito.

Ventrella.
Natalino. Un anno vissuto pericolosamente. Sopra le righe. Sempre con l’adrenalina a duemila. Con i cellulari che gli… suonano in tasca. Da Natalino in casa Mastella a Natalino in casa Gigantelli. Rompe con l’Udeur. Rompe con Tinaresta. Rompe con la Minoranza. Rompe…

Zita. Antonio. Giovane Pd. Eletto. Sa ciò che vuole. Poche idee ma chiare.  Risponde come un veterano alle domande per un’ intervista. In seguito, visto l’andazzo, insieme  agli altri giovani del Pd si dissocia dal  coordinatore Giuliani, reo di parlare troppo con la stampa. E si  cuce la bocca. Insieme a tutto il  gruppo-giovani. In attesa del nuovo coordinatore…

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI