Lunedì 28 Novembre 2022
   
Text Size

banner assange

TUTTI SOLIDALI CON L'EX ASSESSORE DE FLORIO

de_florio

Come già accennato ieri, nello scorso consiglio comunale il momento clou si è avuto quando la dott.ssa Teresita De Florio, mentre leggeva il proprio intervento, non ha trattenuto le lacrime per la commozione, fermandosi più volte.

Il Consiglio tutto non è rimasto indifferente a questo avvenimento alquanto raro, ovvero che un consigliere si emozioni a tal punto mentre legge un suo pensiero. Tutti quanti i componenti della minoranza hanno voluto dire la propria a riguardo, non prima che il Sindaco Gigantelli, sentitosi in dovere di rispondere alle parole della De Florio, avesse detto la sua.

Riportiamo le parti salienti dei vari interventi.

SINDACOsindaco

“Per quanto mi riguarda il gioco di squadra è importante e i risultati non possono essere scissi da quelli individuali. Meriti e demeriti vanno dati al gruppo. Il distinguo che oggi si fa è doloroso. Non ho mai recepito né sono stati evidenziati elementi di disapprovazione per il nostro operato della dott.ssa De Florio. Quindi dico che questo intervento non me l’aspettavo. Forse queste sollecitazioni andavano fatte prima.

Le sue parole sembrano un nuovo incipit: “andate avanti senza di me”. Mi dispiace questo. Ho gia’ chiesto a lei di tornare sui propri passi e darci ancora il suo apporto. È difficile amministrare accontentando le individualità. Credo che vada detto che questo distinguo che oggi ci perviene non scaturisce certo da una scelta mia né da una scelta di gruppo. È una decisione personale che rispetto ma non condivido in ogni sua parte. Invito la dott.ssa a parlarmi in maniera colloquiali in modo tale da analizzare meglio quello che secondo lei non è andato. Non mi sembra ci siano problemi irrimediabili.”

LEOGRANDE

“Questa situazione è imbarazzante per la maggioranza. Il tono utilizzato dalla De Florio dimostra la passione con cui sono stati portati avanti i suoi incarichi. Traspare anche l’amarezza che la dott.ssa prova, una delusione forte ricevuta dalla maggioranza. Finalmente qualcuno che ha il coraggio di denunciare. L’amministrazione sta fallendo attraverso le dichiarazioni di componenti che ne facevano parte. Negli ultimi cinque mesi, è vero, l’amministrazione ha pensato solo a rimpasti e deleghe e non ad amministrare. Tutte le nostre supposizioni sono confermate da quello che dice la De Florio. Arrivare al “Gigantelli 7” è fuori da ogni logica.

Sarebbe opportuno, come si è fatto a conversano, indire un Consiglio comunale in cui si dibatta sulla situazione politica amministrativa.

È assurdo che tre assessori, Tateo, Cazzetta e Valentini, prima mandati via, poi dopo due mesi di nuovo in giunta, non abbiamo oggi nulla da dire. Sui giornali hanno cambiato le loro versioni a seconda del posto che ricoprivano. Per non parlare del capogruppo Palasciano che dimostra di non sapere nulla dell’operato della maggioranza e delle sue strategie.

Ultimamente tutti i consigli sono “urgenti”: questo perché si pensa ad altro e si perdono di vista le scadenze e le reali questioni comunali. Non lascerete nulla a questo comune.

Esprimo la mia solidarietà nei confronti della dott.ssa De Florio.”

risplendente_homeRISPLENDENTE

“Sono veramente troppi sette rimpasti. Basta. Non è possibile che il cittadino non sappia a chi rivolgersi per un argomento. È costretto a chiedersi: “E’ lui? È lui fino a quando?”

La lettera della De Florio esprime in termini accorati che è importante il rispetto dei ruoli perchè è sintomo di rispetto per cittadinanza e per le persone. Alla dottoressa va la mia solidarietà. Lei, Sindaco, non deve cedere ai ricatti e ai capricci mattutini di qualche suo consigliere. È una questione di amor proprio. Siamo al limite. Spero che lei non sia costretto a fare come Caligola, il quale per dare un segnale di indignazione nei confronti del suo Senato, minacciò di nominare senatore il suo cavallo!

RESTA

“Provo disagio in questo momento. Rinnovo la stima personale che avevo e che ho nei confronti della persona di Teresita e del ruolo che ha svolto e come lo ha interpretato. Mi dispiace che tu stia così (riferito alla dott.ssa De Florio che ha un attimo di forte commozione da posto, ndr). Soffrire per aver fatto il proprio dovere.

La tua squadra non ha ancora capito quanto vali. Non sanno cosa hanno perso, non in termini di voti, quanto di umanità. La ringrazio per quello che ha fatto e per quello che farà, a prescindere dalla poltrona su cui siede.

Sindaco, lei non deve fare l’insieme degli assessori, ma deve fare il Sindaco. D’ora in poi non mi rivolgerò più a lei, ma ai suoi assessori. Se hanno voluto una delega vuol dire che devono sapere tutto di quell’argomento, anche di cose passate. Non avranno più giustificazioni. Basta avere un sindaco che risponde per gli altri.

Paolo Tundo, auguri per la sua delega, ma devi rispondere del tuo operato. Soprattutto mi spiegherai, visto che le hai accettate, cosa significano le tue deleghe!

Vorrei anche io sentire le dichiarazioni dei tre assessori prima tenuti fuori dalla giunta e poi riportati in giunta.”

petrera-bisPETRERA

“Non posso che essere solidale con la De Florio. Non è la prima volta che succedono queste cose. Anche la Spada fu cacciata, come il sottoscritto, come Denovellis e come la Lenato. Cosa vi aspettavate se non pugnalate dagli e agli amici? (rivolgendosi alla minoranza, ndr). Dal giorno dopo delle elezioni sono cambiati.”

Commenti  

 
teresita de florio
#13 teresita de florio 2010-11-01 16:06
Sia nel primo che nel secondo quinquennio non mi sono venduta per un piatto di lenticchie perchè in cima alla lista delle mie priorità c'è l'onore e la dignità.
SALUTI.
Teresita
 
 
Sapendo-Sapendo.
#12 Sapendo-Sapendo. 2010-10-31 17:42
Pare che sia nel primo quinquennio, che nel secondo, non hai concluso in modo corretto e consono alle aspettative dei tuoi elettori che ti avevano affidato, con il loro voto. Noi donne molte volte ci mettiamo del nostro, cosi da complicare ulteriormente i rapporti tra uomini.
 
 
Ronzino
#11 Ronzino 2010-10-31 15:10
A osservatore e verità ricordo che non conta il numero dei rimpasti 2-3-5 e non 7 che entrambe le amministrazioni hanno fatto.
Eppoi, se le critiche sono ferme e sono fatte da quelli di sinistra è fisiologico e molto più credibile?
Mah, continuo ad essere esterefatto del livello e del confronto politico in questo paese!
Se lo scempio urbanistico e le varianti al pdf (salvando le costruzioni dei parenti di assessori e consiglieri comunali) le approvano quelli di sinistra è fisiologico e molto più credibile e la colpa è degli uffici tecnici pieni di fiumi?
Se lo scempio urbanistico lo approvano quelli di destra la colpa è unicamente degli amministratori che non sanno dare le direttive?
C'è molta confusione nelle menti di qualcuno...
Secondo me a Turi ci vuole il PUG e basta!
Me ce la faranno i nostri eroi?
O qualcuno (interessato alla confusione) lo impedirà?
Nel giro di qualche mese ne vedremo delle belle...
 
 
una donna
#10 una donna 2010-10-30 22:28
i rimpasti avvengono perchè in sede di costituzione di lista si sceglie la gente per i numeri e non per le capacità...
 
 
verità
#9 verità 2010-10-30 16:33
è vero con De grisantis ci furono in un intero mandato 2 rimpasti e 5 cambi assessorili, c'era la posizione politica di pietro Giorgio ma nessuno è arrivato a ben 10 assessori cambaiati in 3 anni e mezzo e 7 rimpasti, Gigantelli settimo se non sbaglio? questa amministrazione ha superato tutti i record in quanto ad ingovernabilità! per quanto riguardo alla seconda convocazione è come per 'lo scempio urbanistico' Gigantelli sta sicuramente supererà il maestro DE grisantis!
 
 
osservatore
#8 osservatore 2010-10-30 14:11
avere problemi in consiglio come accadeva a de grisantis, con persone che cmq erano ferme nella loro posizione, critica o a favore, è ,oltre che fisiologico, anche molto piu' credibile di sette rimpasti, sette, di persone che in due mesi hanno il coraggio di votare contro solo perchè gli è stato tolto l'assessorato. è una tristezza QUESTO consiglio. mai andati cosi' in basso nell'orgoglio, nell'amor proprio, i nostri politici. lo scorso consiglio poteva insegnare molto all'attuale.
 
 
Ronzino
#7 Ronzino 2010-10-30 12:39
Provo molto rispetto per la De Florio ma non condivido assolutamente il suo pensiero.
Eppoi, quanta falsità e ipocrisia da taluni personaggi della minoranza!
Per tanti di questi signori e signore il Pedibus era stata un'iniziativa inutile, dannosa e fonte di spreco di danaro pubblico ed infine mai completamente attuata.
Numerose sono state le critiche che la De Florio ha subito più o meno velatamente da parte di queste persone che non riescono a provare un pò di vergogna.
Quante volte abbiamo ascoltato rimbrotti e risolini vari sul controllo del territorio, sulle multe, sui vigili inesistenti, sui dissuasori e su tante altre cose.
E sul fatto che la De Florio era "una forestiera"? Meglio tacere.
Ora, evviva la solidarietà! Ma è sicuramente di facciata e di convenienza!
Rispetto ai rimpasti e alle varie dimissioni e defenestrazioni è importante ricordare che tutta la classe politica risulta poco credibile e sopratutto poco autorevole!
L'Amministrazione De Grisantis vide turnare nella propria scquadra assessorile tante persone: Coletta (poi dimissionario), Coppi (ripescato e poi dimissionario), Giovinazzi (poi dimissionario e assente in consiglio negli ultimi anni), Valentini (poi dimissionario e assente in consiglio negli ultimi anni) e con la spina nel fianco di Pietro Giorgio che pur sedendo nei banchi della maggioranza si distingueva per una opposizione dura, puntuale e a tratti feroce e numerose volte o si asteneva o votava contro. Risultato? Per quasi la metà del mandato De Grisantis approvava i provvedimenti sempre in seconda convocazione.
In tutti questi anni non si è mai saputo il vero motivo di queste turnazioni (tranne Coletta) e sopratutto sono oscuri i motivi che portarono l'alleanza di centrosinistra ad implodere con la conseguente non ricandidatura di De Grisantis.
Più volte è stato scritto che i "becchini" furono gli autorevoli e spocchiosi di qualche giornale locale.
Ma pochi hanno creduto a questa favola o a questa sciocchezza!
I tanti personaggi dell'opposizione sembrano avere un vuoto di memoria ma i turesi non dimenticano.
O meglio, c'è chi cercherà di ricordarglielo...
 
 
 iscritta Circolo A. gramsci Turi
#6 iscritta Circolo A. gramsci Turi 2010-10-30 02:38
ma perchè il livello delle consigliere di opposizione è così basso, melenso
pieno di parole da libro cuore.....ma svegliatevi fate opposizione come si deve dopo quasi 4 anni a ciurlare nel manico con Boccardi? è possibile che nessuna di voi abbia sollevato l'illegittimità della nuova giunta Gigantelli per il mancato rispetto della presenza femminile, è possibile che siete così provinciali da non informarvi che la giurisprudenza è piena di sentenze che condannano esperienze simili? e per ultimo ma è possibile che delle parole: battaglie civili contro l'omofobia, a favore della democrazia di genere voi non sapete neanche il significato e per voi 'opposizione' è solo prendere una posizione su di un fatterello paesano magari alimentato da un gossip, ma quando volete crescere e fare crescere questo paese per piacere basta con le improvvisazioni Turi ha bisigno di un serio ed alternativo progetto di risveglio culturale cominciando a mandare a casa e non riproporre più l'intero consiglio comunale incapace di prendere determinate posizioni!
 
 
sofia senior
#5 sofia senior 2010-10-29 21:42
Dottoressa l'ignoranza maskilista fa + male della cattiveria:cry:
 
 
SNOOPY
#4 SNOOPY 2010-10-29 19:11
Esprimo la mia solidarietà alla Dott. De Florio Teresita.
Versare delle lacrime non è segno di debolezza ma di forza. Con esse si vuol difendere tutto ciò che si fà con amore per il prossimo.
Occhio a Tundo che invece porta avanti sue iniziative, vedere dove vuole spostare il 118, delle quali vorremmo capire l'utilità per il prossimo.
 
 
osservatore
#3 osservatore 2010-10-29 18:47
la De Florio si è dimessa autonomamente (28 settembre) dopo essere stata delusa (dalla questione Tundo, per farla breve) dall'andamento interno della maggioranza.
non è stata defenestrata ("cacciata" per dirla alla Petrera") dal Sindaco.
Anzi, Gigantelli ha tentato invano di riportarla in giunta prima dell'ultimo rimpasto. e pare abbia detto che tenterà di farla tornare sui suoi passi. è in arrivo un altro rimpasto? i posti da assessore sono finiti...
 
 
Capasone
#2 Capasone 2010-10-29 17:42
Scusate qualcuno mi vuole spiegare se la De Florio è stata cacciata come Petrera o Denovellis o, invece, è Lei che ha rifiutato o non ha accettato l'incarico che il Sindaco le offriva.
E' molto importante capire questo passaggio.
Chi conosce bene il problema è pregato di chiarire questo dubbio che io ho.
Grazie
 
 
Facce di bronzo
#1 Facce di bronzo 2010-10-29 17:35
Sono fortemente stupito nel leggere l'articolo in questione e sopratutto non capisco i commenti e gli interventi dei componenti della minoranza.
Ora comprendono e apprezzano l'operato della De Florio e in molti si dispiacciono.
Quando era in carica, invece, mi sembra di ricordare che non erano altrettanto teneri nei suoi confronti e non hanno mai espresso alcun pensiero di apprezzamento per il suo operato.
Pare risentire il verso del poeta : "Virtù viva sprezziam, lodiamo estinta".
Per carità senza alcuna allusione alla De Florio, alla quale auspico di vivere almeno altri cento anni e gli auguro un sereno e gaudioso futuro.
 

Per commentare devi registrarti

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.