PRONTA L’ENNESIMA GIUNTA GIGANTELLI. ORA SI LAVORA

sindaco-gigantelli

Abbiamo la nuova Giunta. Viene dopo quella composta, oltre che dal sindaco Gigantelli, da D’Addabbo, D’Autilia, Totaro, Valentini, De Florio, Tundo e Luisi che hanno amministrato Turi dal 18 giugno al 30 settembre: una Amministrazione detta “balneare” il cui scopo principale era quello di traghettarla verso una giunta migliore. E dopo tanto discutere, cercare, valutare, ecco l’ennesima nuova giunta.

Prima considerazione. Scongiurata la caduta della Amministrazione Gigantelli con relativi annessi e connessi: ad esempio l’arrivo del commissario e nuove votazioni. Ma chi ne esce vincitore? Certamente Paolo Tundo (voto 10) che ha saputo aspettare dimostrando di avere tanta di quella pazienza, e alla fine ha raccolto i frutti.

Altra considerazione. E’ una giunta fatta tutta di maschi (voto 5) e intanto c’è qualcuno fra gli addetti ai lavori che si dice convinto che la dott.ssa De Florio (voto 8 per la coerenza) sia stata aiutata a defilarsi dalla giunta ed ora in Consiglio si attende la sua rivincita. Comportamento strano e assurdo quello di Luisi (voto 3): ha voluto prepotentemente la Polizia municipale per poi abbandonarla e rifiutare qualunque altra delega. Riteniamo eccessive le deleghe assegnate ad un Tundo comunque super-premiato: dove troverà il tempo per dedicarsi ad esse? Stesso discorso (troppe deleghe!) vale per D’Autilia e Totaro. Franco D’Addabbo ha ottenuto quel poco che desiderava per dedicarsi tranquillamente a studiare da futuro candidato-sindaco. Perplessità ha suscitato il comportamento di Giacomo Valentini (voto 5) che, per la pericolosa frenata e sterzata finale, non ci sentiamo di appoggiare. Non capiamo l’assessorato a Tateo: non certo per l’attaccamento al lavoro di Antonio, quanto per il ricorso ad un esterno di cui non comprendiamo la necessità.

Infine permetteteci 3 sorrisi finali: la delega alla cultura al futuro capogruppo D’Addabbo, praticamente il ‘nulla’ a Palasciano e la non-manutenzione delle vie extraurbane a Pino Carenza. Per Gigantelli la speranza che sia il suo ultimo rimpasto: quanto tempo ed energia sottratti a Turi!