Sabato 03 Dicembre 2022
   
Text Size

banner assange

'PALAZZI PRIVATI INVECE DI STRADE PUBBLICHE'

Immagine

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa del Circolo "Antonio Gramsci".


 

CIRCO GIGANTELLI ENNESIMO SPETTACOLO: “I PALAZZI PRIVATI INVECE DI STRADE PUBBLICHE”

PAGANTI: I CITTADINI TURESI

Lunedì scorso al Comune di Turi è andato in scena l’ennesimo spettacolo del circo Gigantelli; infatti tale inefficiente e dannosa amministrazione di centro-destra ha approvato una variante al piano particolareggiato degli insediamenti produttivi che dinanzi ad un contenzioso tra l’interesse pubblico e quello privato ha favorito l’interesse privato preferendo che venisse tutelata la costruzione di un immobile rispetto alla realizzazione di un importante arteria viaria, annullando la realizzazione dell’ennesima strada pubblica a favore della costruzione dell’ennesimo ‘palazzo’ privato.

Nel fare ciò in maniera del tutto arbitraria i nostri ‘amministratori’ hanno inteso agire anticipando le conclusioni di un processo giudiziario-amministrativo che poteva anche esprimersi in senso favorevole per la pubblica amministrazione.

In sintesi la questione ha avuto inizio nel lontano 1995 allorchè la giunta Coppi approvò un piano urbanistico generale (PRG) che comprendeva tale strada, il cui tragitto era articolato dall’area dove dovrebbe sorgere il piano degli insediamenti produttivi (via N. Napolitano) sino a dietro la stazione ferroviaria, al fine di migliorare la viabilità esistente cosa che le successive amministrazioni Stefanachi e De Grisantis hanno confermato nel 2000 e nel 2003 con deliberati di consiglio Comunale, così anche la Regione Puglia approvando tale strada come importante arteria del futuro Piano degli insediamenti produttivi (PIP) nel cui piano particolaggiato essa era inserita .

Il 29 settembre 2003, dopo l’approvazione della variante urbanista avvenuta in consiglio Comunale il 1/08/2003, fu rilasciata dall’ufficio tecnico un'autorizzazione a costruire su un'area destinata alla costruzione della strada in questione, concessione rilasciata in modo illegittimo e poi anche revocata e riconosciuta tale illegittimità da una sentenza del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) situazione che ha generato un annoso contenzioso non ancora risolto.

La morale di questa ennesima storia, molto simile a tante altre, è che a Turi la realizzazione di opere di interesse pubblico è posta in secondo piano ed è possibile solo dopo avere tutelato gli interessi privati; come è anche grave che la comunità debba accollarsi spese legali senza vedere realizzate opere pubbliche necessarie alla vivibilità della nostra cittadina per una serie di gravi errori di irresponsabilità commessi dall’ufficio tecnico comunale. Piuttosto che attendere l’esito del processo giudiziario che potrebbe anche esprimersi in senso favorevole , si preferisce chiudere la questione nella maniera peggiore per Turi lasciando l’impressione che tra condoni, favori ad interessi privati scaturiti da concessioni illegittime e cambiali elettorali da ‘pagare’ o ‘incassare’ si persevera nel tutelare l’ennesimo ‘amico degli amici’ calpestando etica, morale , senso civico e dando un pessimo esempio alle generazioni future.

Commenti  

 
iscritto circolo Gramsci
#14 iscritto circolo Gramsci 2010-09-30 22:44
Caro mi faccia il piacere che scricve in tono minaccioso 'attenta come parli perchè dobbiamo lasciarci alle spalle queste idee comuniste che ciò che è pubblico è sano e quello che è privato è malvagio guarda un pò la situazione di alcune aree pubbliche e datti una risposta' bene credo che ognuno è libero di professare le idee che vuole senza subire le sue minacce, che l'utilità di una stada non lo decide lei e che una concessione se è illegittima perchè dichiarata tale da sentenza del TAR le leggi si rispettano altrimenti si è fuorilegge e senza morale, inoltre se è vero che i regimi dell'est europeo hanno provocato alcuni errori ed orrori anche se da contestualizzare l'attuale modello di sviluppo che annovera come sostenitore Berlusconi e quella che si definisce destra Italiana ( ma non sanno neanche loro cosa sono!) tanto da fare apparire il nostro paese come la Corea del nord di quel sistema capitalista ormai in crisi e rinnegato anche dove quel sistema è nato, parlo degli USA di Obama che sta mettendo in discussione tutta l'impalcatura della 'deleguraction' che ha come architrave appunto la supremazia del privato e dell'individuo sulla natura, sui beni pubblici, teoria economica e politica che dal suo inizio cioè negli anni ottanta con il famoso edonismo Reganiano ha prodotto una crisi economica, finanziaria, sociale, ambientale, climatica, ecologica e di valori che ormai è sotto gli occhi di tutti e penso anche i suoi.
Nessuno vuole impedire l'iniziativa privata ma è moralmente etico che il privato rispetti le regole e le leggi vigenti e non si faccia 'raccomandare' dagli amici potenti prevaricando gli interessi pubblici e per quanto riguardo lo stato delle aree pubbliche, bene se l'amministrazione è quella di Gigantelli purtroppo lo sappiamo che chi è preso litigiosità quotidiana per beceri interessi di poltrone si disinteressa dello stato penoso delle aree verdi a Turi, ma tanto ci pensano i cittadini e questa estate c'è stato più di un esempio.......
 
 
ridere o piangere
#13 ridere o piangere 2010-09-30 21:52
contro l'arroganza e soprattutto l'ignoranza non c'è speranza
 
 
sinistragiovanile
#12 sinistragiovanile 2010-09-30 20:00
"ma sono convinto che quella strada era inutile e sopratutto non attuabile"
certo, andiamo avanti a convinzioni non argomentate per giustificare regali e regalini.........e poi, un ufficio tecnico che rilascia permessi in questo modo e crea simili contenziosi che costano tanti soldi alla collettività è o no un problema?

Ma possibile che una strda approvata da giunte di destra e sinistra, dalla stessa Regione, possa essere giudicata inutile da qualcuno, quindi togliamola e facciamo costruire il signor tal dei tali?

Ma che paese è questo? Ci vogliamo svegliare o no?
 
 
iscritto CircoloGramsci
#11 iscritto CircoloGramsci 2010-09-30 19:42
guardi che l'idea che quella strada sia inutile è un suo personale convincimento. Che poi vi siano aree pubbliche degradate non è un alibi per non averne. Il privato non è un nemico da abbattere, anche questa è una sua distorta interpretazione di un pensiero.
Ma non è possibile pensare che ogni volta che vi è l'interesse di un privato da proteggere, si può mandare al macero opere di interesse pubblico.
Signore, noi saremo vecchi perchè comunisti, ma guardi che se il nuovo è rappresentato dal suo pensiero, mi tengo ben stretto il mio vecchio pensiero che mi porta a stare sempre dalla parte della gente.
 
 
tanto per parlare
#10 tanto per parlare 2010-09-30 19:32
Si parla tanto per parlare!
1) l'arteria in questione aveva senso in quanto doveva non solo collegare un'area PIP più grande di quella attuale (diminuita per i fiumi sotterranei) ma sopratutto per contenere la fogna dell'area PIP che avrebbe scaricato e appensantto i liquami artigianali e industriali nelle fogne dell'abitato (splendida idea di quel fiume carsico...di *** che il regnante portò a turi);
2) i dubbi sulla strada in questione vi sono sempre stati da più parti (basta andare a rileggersi gli atti dei consigli comunali);
3) non so se qualcuno è stato avvataggiato ma sono convinto che quella strada era inutile e sopratutto non attuabile;
4) i giovani compagni della sinistra locale valutino bene i fatti prima di esprimere giudizi sommari e alle volte infondati *** sopratutto in materia edilizia e urbanistica poichè l'ex giunta ha portato a Turi tanto di quell'acqua dal fiume di monopoli con tantissime concessioni rilasciate ad *** e vantaggi facilmente dimostrabili con le varianti urbanistiche pronte e -chissà perchè- tenute ferme nei cassetti dell'uffico tecnico fino ad arrivare ad un'inchiesta che è ancora in corso...e con la variante al pdf che avvantaggiò ***...;
5) e potrei continuare...
6) quando il consiglio comunale decide votando una delibera urbanistica esprime una scelta politica ben precisa e giammai vantaggi per qualcuno...in quanto a turi gli amici degli amici li hanno tutti e sopratutto hanno tanti ***...

 
 
mi faccia il piacere
#9 mi faccia il piacere 2010-09-30 19:19
Cara amica SEL, come vedi ricadi sempre nello stesso errore "....spazio pubblico a favore di un privato che ha ricevuto una concessione illegittima..." e cioè pensare che l'interesse pubblico anche se inutile prevale sul privato come se il privato è un nemico da abbattere. Pensa che un giorno il privato potresti essere tu o i tuoi amici, e vedersi dare un'autorizzazione e poi vedersela negare penso non sia bello ne per te ne per chiunche altro. Attenta a come parli perchè dobbiamo lasciarci alle spalle queste idee "comuniste" che ciò che è privato è malvagio e cio che è pubblico è sano. Guarda un po la situazione di alcune aree pubbliche e poi datti una risposta. Saluti
 
 
amico degli ex consiglieri di sx
#8 amico degli ex consiglieri di sx 2010-09-30 19:17
illegittimita', soprusi, relazioni in possesso, ma cosa vi serve di più per fare una denuncia alla magistratura. non serve battere sulla tastiera, bisogna denunciare, altrimenti restate i soliti cercatori di voti agli sprovveduti
 
 
iscritto circolo Gramsci
#7 iscritto circolo Gramsci 2010-09-30 18:59
Perchè l'intera maqggioranza non ha votato il provvedimento se veramente l'opera era inutile e si è dovuto ricorrere al vecchio metodo del consigliere che si astiene per fare passare il provvedimento ed avere il numero legale? le cose non quadrono amici difensori di Giga e company.....
 
 
iscritta  sel
#6 iscritta sel 2010-09-30 18:56
se la strada era stata approvata da tre amministrazionie dalla Regione Puglia un senso ed una utilità doveva averla e poi evidenziare la cancellazione di una strada e quindi di uno spazio pubblico a favore di un privato che ha ricevuto una concessione illegittima non è parlare senza cognizione di causa anzi è evidenziare che forse è bene fare pagare questi errori una volta tanto all'ufficio tecnico che ha rilasciato la concessione e tutti coloro che sapevano e non fare l'ennesimo condono per favorire l'ennesimo amico del potente a danno della popolazione di Turi privata di spazi pubblici e caro amico 'mi faccia il piacere' queste cose succedono solo con tale Sindaco tale 'vice sindaco' (sottoliniamo) e tale consigliere Regionale ma mi faccia lei il piacere............
 
 
iscritto sel
#5 iscritto sel 2010-09-30 18:50
a noi non interessa chi ha cominciato caro ice1 vogliamo solo evidenziare che forse è ora di finirla con il mettere prima gli interessi 'privati' e poi molto ma molto dopo quelli pubblici e guarda caso come nella strada ex LIDL anche ora gli interessi di un cittadino prevalgono su quelli del pubblico e chi sta in amministrazione? basta con la solita storia di chi ha cominciato a noi non c'è ne frega un bel niente anzi le vorrei fare una domanda da girare ai suoi an mici amministratori Quante concessioni, lottizzazioni ec sono state rilasciate nei tre anni e mezzo di 'lungimirante' amministrazione Gigantelli-Boccardi e quanti vani hanno prodotto? da una relazione tecnica in possesso degli uffici comunali a noi risultano più di quelle rilasciate nei precedenti venti anni! quindi caro amico di cosa parliamo e cosa difendi l'indifendibile cioè il sopruso di un privato sul pubblico!
 
 
elettore sinistra
#4 elettore sinistra 2010-09-30 18:44
Egregio signore,
l'utilità di una strada è argomento certamente degno di interesse e che potrebbe essere oggetto di discussione.
Lei non ne individua di utilità. Resta il fatto, grave, gravissimo, che una strada pubblica (utile o meno è da discuterne) viene sacrificata per una costruzione privata.
Solo a Turi, piuttosto che indignarsi, parte subito la noiosa e pedante replica "e voi che avete fatto", "ma a che serve quella strada". Roba da medioevo!
 
 
mi faccia il piacere
#3 mi faccia il piacere 2010-09-30 17:58
Ma mi dite a cosa serve un'arteria così grande che colleghi l'area PIP con la stazione? come se fossimo su una direttrice ferroviaria cruciale....
Ma vi rendete conto dell'inutilità dell'opera? come solito la sinistra o (SEL) in questo paese parla solo per piacere di parlare e senza cognizione di causa.
 
 
wow
#2 wow 2010-09-30 17:58
BASTA COSTRUIRE...
 
 
ice1
#1 ice1 2010-09-30 16:16
ma per favore! chi ha dato inizio allo scempio è stata un'amministrazione di sinistra, che poi quelli di destra abbiano continuato, proseguito ed ingigantito l'opera è un'altro paio di maniche....
 

Per commentare devi registrarti

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.