S.S. 172, UN ANNO DOPO

SS_172

Riceviamo e pubblichiamo.

E’ trascorso un anno dall’avvio della petizione popolare per la messa in sicurezza della S.S. 172 dei Trulli. Il 07 dicembre scorso furono consegnate alla Camera dei Deputati ed al Senato oltre 15.000 firme in aggiunta alle delibere dei Consigli Comunali dei 9 Comuni e delle 3 Province interessate alla strada.

Senza ombra di dubbio la raccolta delle firme ed il risalto dato all’iniziativa dalla stampa e dalle televisioni hanno acceso un faro su una problematica abbandonata dalla politica per decenni. L’assessorato ai Lavori Pubblici della Regione Puglia, infatti, nell’agosto del 2009 avviò appositi tavoli tecnici con i Comuni e l’Anas per affrontare la "questione" ed assumere impegni reciproci circa il recupero di una situazione che era incresciosa sia in termini di progettualità (molti tratti erano ancora a livello di studi di fattibilità) sia di adempimenti da assolvere da parte dei singoli Enti locali (Comuni e Regione Puglia). Il tutto in attesa di recuperare le risorse finanziarie necessarie, parte delle quali (50 milioni di euro per il tratto Casamassima - Putignano) letteralmente "scippate" dall’attuale Governo con la delibera CIPE del 06 marzo del 2009.

Relativamente alla questione finanziaria, non risultano esserci state azioni degne di nota da parte del Governo e della Regione Puglia (dalla quale invece ci si attende una più energica azione "rivendicatrice" unitamente a tutti i parlamentari pugliesi che, fino a questo momento, sono stati semplicemente assenti,  disinteressati e lontani da questo grave problema).

Per cui, l’annosa questione continua ad essere la priorità numero uno.

Riguardo, invece, le problematiche “ tecniche “, queste sono state affrontate al punto che dei primi progetti da parte dell’ANAS sono stati predisposti per i tratti Locorotondo – Fasano, Martina Franca – Taranto e Putignano – Locorotondo.

Dulcis in fundo, appena venerdì scorso la Giunta regionale ha deliberato la "localizzazione" urbanistica per il tratto Casamassima – Putignano, parere richiesto dal Ministero delle Infrastrutture circa 18 mesi fa, sollecitato nel luglio 2009 e fornito con 13 mesi di ritardo dal nostro Governo regionale. Alla faccia dell’efficienza!!!

Quindi, dopo un anno sembra che la "politica", in parte, si sia interessata al "caso". Bisogna continuare nell’azione di sensibilizzazione, a tutti i livelli di Governo, perché si addivenga alla soluzione del principale problema che, comunque, rimane quello finanziario.

Per questo, il "Comitato x la messa in sicurezza della S.S. 172 dei Trulli" deve continuare a svolgere l’azione di "pungolo" delle Istituzioni senza distinzione alcuna di colori politici che contraddistinguono le maggioranze di governo che le rappresentano. Il tutto nella speranza di avere sempre degli interlocutori autorevoli e credibili.