PUNTO SPORT, SCETTICA ANCHE LA SINISTRA CITTADINA

PUNTO_SPORT_1_1
Il circolo “A. Gramsci” di Sinistra Ecologia Libertà di Turi esprime una forte perplessità e preoccupazione circa i lavori di realizzazione del Punto Sport in via Casamassima.

Riteniamo, alla luce delle preoccupazioni espresse da un gruppo di genitori su vari organi di informazioni, che la localizzazione del suddetto impianto generi serie riflessioni.

Il Punto Sport nasce per soddisfare le legittime esigenze dei ragazzi dai 6 ai 19 anni, così come il regolamento comunale prevede.

Ritenendo opportuno riqualificare le periferie ed aumentare la rete dei servizi di una realtà in espansione come Turi, ci si domanda, però, se un Punto Sport collocato lungo la principale arteria stradale del paese rappresenti la migliore soluzione possibile in termini di sicurezza degli adolescenti che lo frequenteranno.

Un secondo motivo di inquietudine e preoccupazione riguarda la salubrità dell’aria, in considerazione del fatto che i ragazzi respireranno le emissioni dei veicoli in transito, dei vapori della stazione di servizio in apertura e dei vari pullman di linea in sosta nell’area vicina.

Il circolo considera fondamentale garantire la sicurezza dei ragazzi e propone che venga monitorata la qualità dell’aria periodicamente mediante una centralina mobile dell’ARPA (Agenzia Regionale Protezione Ambientale) e suggerisce di adottare dispositivi di rallentamento lungo la strada.

Vogliamo ingenuamente credere che l’Amministrazione comunale abbia già provveduto alla progettazione illuministica del tratto che parte dall’incrocio di Via Ginestre fino al Punto Sport, assieme a lavori per garantire sicurezza di transito con ampi marciapiedi, certi che nessuno abbia ignorato il fatto che, allo stato attuale, i ragazzi tornerebbero sciaguratamente a casa al buio.