TURI UN “CONTAGIOSO” PIGNATARO

CIMG2321

Risate ed ironia nella serata del 24 agosto nella piazza Capitano Colapietro di Turi.

In scena Nicola Pignataro con “Libretto malasanitario”, commedia in dialetto barese. Una piazza gremita di gente ha assistito allo spettacolo in due atti che ironizza sulla sanità, anzi la malasanità italiana. Battute sarcastiche e comiche hanno coinvolto tutti, ripercorrendo le varie Riforme sanitarie degli anni trascorsi e mostrando le stranezze e le bizzarrie di queste. Non potevano mancare battute pungenti sui ministri alla salute come De Lorenzo e Rosy Bindi.  Per oltre due ore, l’attore e direttore del Teatro Purgatorio di Bari, ha intrattenuto la tantissima gente giunta ad assisterlo.

Nell’Intermezzo, lo sketch comico del “Dott. Damiano” con Franco De Giglio e Annalena Cardenio. L’intuizione dell’infedeltà del proprio marito, porta la moglie ad impedirgli di uscire di casa per incontrarsi con l’amante. Di fronte all’astuzia della donna, il dottore escogita di scrivere e leggere una falsa lettera che svela il finto adulterio della moglie, al quale lui immagina di rispondere uscendo finalmente di casa. Per questo suo piano si fa aiutare dal cameriere Pasquale (Nicola Pignataro), un uomo di “intelligenza sopraffina”. Ma, come molte commedie di stampo plautino, alla fine chi vuole beffare è piuttosto beffato. La moglie, infatti, rivela il suo taciuta tradimento, commessa proprio con il cameriere Pasquale.

A seguire, un intervallo canoro con G. Ciliberti, che ha interpretato brani come “I migliori anni della nostra vita – R. Zero” e “New York, New York – F. Sinatra”.

Infine, la seconda ed ultima parte del monologo “Libretto malasanitario”. L’attenzione è stata totalmente rivolta a cercare di leggere e capire l’incomprensibile libretto illustrativo di un medicinale di uso comune. Fino alle sue ultime battute, l’attore non ha smesso di far ridere ed esaltare i presenti, catturati dalla sua “verve” comica.

Al termine dello spettacolo, ringraziamenti all’Amministrazione Comunale, nelle persone dell’Amm. Tateo e del Sindaco, all’Amministrazione Provinciale, alla Nuova pro Loco e al Comitato feste patronali. Il sindaco, complimentandosi con l’attore per lo spettacolo rappresentato, è riuscito a strappare a lui la promessa di un ritorno a Turi con un’altra commedia: “Ce razza de chembagne”, a data da definirsi.

Visita http://picasaweb.google.it/redazioneturiweb/ 2009/pignataro{/gallery}