“Gara ponte”: vince la Teknoservice

differenziata

L’impresa torinese si aggiudica il servizio di igiene urbana per i prossimi due anni

Si è conclusa, lo scorso 3 novembre, la “gara ponte” per l’affidamento del servizio di igiene urbana per un periodo di due anni e per un importo pari a poco meno di 2.750.000 euro, cui si sommano circa 674.000 euro nel caso sia necessaria un'eventuale proroga tecnica di 6 mesi.

Avviata il 15 giugno 2021 – a distanza di quasi un anno dall’indirizzo della Giunta datato 6 agosto 2020 – la procedura è stata gestita in modalità telematica, attraverso la piattaforma regionale EmPULIA, ed ha visto la partecipazione di cinque operatori: entro il termine di scadenza, fissato il 16 luglio, sono pervenute le offerte di cinque operatori: Navita srl, Raccolgo srl, Ciclat Trasporti Ambiente, Teknoservice srl, Teknowaste.

Dopo l'apertura della ‘busta tecnica’ di ciascun candidato, la Commissione Giudicatrice (composta dall'arch. Giovanna Netti, dall'ing. Rosa Tedeschi e dal dott. Giuseppe Santoiemma) ha proceduto con l’apertura delle buste contenenti l’offerta economica ed ha formulato la graduatoria, stilata in base alla somma dei punti relativi all’offerta tecnica (massimo 80) e di quelli relativi all’offerta economica (massimo 20).

Al primo posto, con 76,98 punti complessivi, si è posizionata la Teknoservice srl che, con un ribasso del 5,84%, ha ottenuto il massimo punteggio per l'offerta economica (20 punti) e 56,98 punti per quella tecnica. Seconda classificata la Raccolgo srl che ha totalizzato 75,01 punti che, sebbene abbia presentato quella che è stata giudicata la migliore offerta tecnica (69,60 punti), è stata penalizzata dall’esiguo ribasso (0.93%) che è valso 5,41 punti per l’offerta economica. Chiude la terna Navita srl con 67,19 punti (55,56 per l'offerta tecnica e 11,63 per quella economica) ed un ribasso del 2%.

L’offerta economica più vantaggiosa è risultata, dunque, quella dell’operatore torinese Teknoservice s.r.l., che si è aggiudicato l’appalto al costo omnicomprensivo di 2.538.763,73 euro per il biennio e di 634.690,94 euro per l'eventuale proroga di 6 mesi.

Espletata la verifica dei requisiti dichiarati in sede di gara, il 12 dicembre è avvenuto il passaggio di consegne. Si attende ora un’adeguata campagna di comunicazione sulle eventuali modifiche del servizio di raccolta e sugli strumenti a disposizione degli utenti per interloquire con l’azienda.

Nel frattempo, la ditta uscente, la “Navita srl”, ha ringraziato il Comune di Turi e i suoi cittadini per i cinque anni di percorso condiviso.