PRESA D’ATTO DEL PROGETTO “LE VIE ORONZIANE”

turi_santoronzo

È stato preso atto del Protocollo d’Intesa sottoscritto dai Comuni di Turi, Lecce, Botrugno, Caprarica di Lecce, Campi Salentina, Muro Leccese, Ostuni, Surbo e Vernole, nonché dall’A.P.T. di Lecce e dall’Ass. Nuova Pro Loco di Turi, interessati dal culto di Sant’Oronzo.

Il Protocollo ha lo scopo di mettere insieme le sinergie di ciascuna realtà cittadina o associativa al fine di suscitare e mantenere relazioni interistituzionali e scambi socio-culturali permanenti tra le rispettive popolazioni e sviluppare il progetto denominato “Le Vie Oronziane”. Valorizzare le peculiarità storiche, territoriali e culturali e la contestuale promozione delle produzioni tipiche locali e delle particolarità. Il Comune di Turi è riconosciuto ente capofila del progetto, che verrà stilato congiuntamente tra le parti. Questo è quanto approvato con deliberazione di G. C. n° 113.

Il progetto delle “Vie Oronziane” nasce dall'obiettivo che muove i Comuni citati alla scoperta, recupero e rivitalizzazione del percorso seguito da Sant’Oronzo per la sua adesione al cristianesimo, la sua opera di conversione e la fuga da Lecce per sfuggire alle persecuzioni romane. È un percorso che unisce e pone in comunicazione le diverse esperienze e culture dei paesi che lo compongono. È un fattore di aggregazione e coinvolgimento di iniziative pubbliche e private, su scala locale, regionale, nazionale ed europea, finalizzate ad ampliare e costruire occasioni di cooperazione per lo sviluppo di una strategia integrata di promozione culturale e turistica di tutela e valorizzazione delle produzioni tipiche locali e delle particolarità enogastronomiche dei territori interessati.

Ad ogni realtà territoriale sarà richiesto un percorso storico virtuale e reale; progetti e azioni per il recupero di strutture edificate, infrastrutture storiche, beni culturali ed ambientali; un sistema della rete dei contenitori culturali; la tutela e valorizzazione delle produzioni tipiche locali e delle particolarità enogastronomiche e un protocollo di intesa ed accordi specifici di programma.

La finalità della sottoscrizione dei Protocolli di Intesa è quella di “sperimentare le modalità di attuazione degli obiettivi e delle metodologie, mettendo in comune quadri conoscitivi, banche dati e metodologie nella disponibilità di ogni singolo Comune aderente. Inoltre individuare modalità di realizzazione dei progetti sperimentali, coerenti con gli obiettivi indicati”.

Il Protocollo d’Intesa impegna i sottoscrittori a perseguire tali obiettivi per 5 anni, ulteriormente rinnovabili.