SI DISCUTE DI VIA LIDL, PETRERA VUOLE CHIAREZZA

via_lidl

 

Nei giorni 24 e 29 agosto un gruppo di ragazzi turesi ha dato vita ad una raccolta firme “per la realizzazione della strada di collegamento da via rutigliano a via ginestre” ai sensi dell’art.44 dello Statuto comunale. Con tale strumento i 634 firmatari della petizione chiedono il rispetto dell’accordo preliminare del 2005 tra la EDILRESI S.r.l. e il Comune di Turi che prevedeva una strada con l’immediato innesto in Via Renato Dell’Andro e senza ulteriori spese a carico del Comune di Turi. Il giorno 8 settembre scorso, le 634 firme raccolte sono state consegnate all’Ufficio protocollo del nostro Comune. In base alla procedura prevista dallo statuto, giovedì 7 ottobre si è riunita la commissione competente (composta da Denovellis, Perniola, Petrera, Resta, Carenza, Luisi, D’addabbo) per discutere della citata petizione.

A margine della riunione, abbiamo ascoltato il consigliere di minoranza Franco Petrera che ha dichiarato: “La maggioranza ha presentato un fascicolo incompleto: c’erano solo le firme raccolte, mancavano le delibere e l’accordo preliminare di programma del 2005. Ho richiesto i permessi a costruire rilasciati in quell’area dal 2008 ad oggi e a chi sono stati concessi”. Nel corso della riunione, inoltre, è stato registrato un diverbio tra il consigliere di minoranza Denovellis e D’Addabbo, componente della maggioranza. Ancora una volta non sono state rese note le motivazioni che hanno portato al mancato rispetto dell’accordo preliminare (2005). L’ufficio tecnico e/o l’amministrazione dovrebbero farlo al più presto; ci auguriamo che vengano esplicitate durante il prossimo Consiglio Comunale quando si discuterà della petizione, con l’auspicio che si ritorni all’accordo del 2005.