SANT'ORONZO, SI CHIUDE L'ERA DI MARINUCCIO?

MARINUCCIO_E_COMITATO

I collaboratori del Comitato Feste Patronali di Turi con la presente comunicano alla S.V le rispettive dimissioni dal suddetto comitato a decorrere dal prossimo anno.

Dopo circa quindici anni di devoto e continuo impegno profuso con costanza e spirito di sacrificio per organizzare al meglio la Festa in onore del nostro Patrono Sant’Oronzo, accanto al caro ed inimitabile Presidente Di Venere Giammaria, a causa di sopraggiunti impegni lavorativi e familiari e per l’oneroso impegno nell’organizzare la festa che col passare degli anni è diventato sempre più gravoso, riteniamo opportuno ritirare la nostra disponibilità e lasciare spazio a nuove menti capaci di continuare a mantenere viva la tradizione della “Festa Grande” con autentica religiosità e devozione per il Santo.”

IMG_0826

Con queste parole, i signori Capone Vito Stefano, Susca Vito Sante, Camposeo Giuseppe, Mirizzi Lorenzo, Girolamo Ludovico e Susca Angelo Vito, in rappresentanza dell’intero comitato, hanno rassegnato le dimissioni indirizzate all’Arciprete Don Giovanni Amodio, al Presidente Pro-Tempore Di Venere Giammaria e al Sindaco di Turi, dott. Vincenzo Gigantelli.

Erano anni che nei giorni successivi alle festività di Sant’Oronzo si vociferava che ‘Marinuccio’ avrebbe smesso di organizzarla. Ma ogni volta era l’ennesima: “una barzelletta”,  hanno spesso commentato molti turesi, infatti, puntualmente, al gennaio successivo era di nuovo lui a prendere in mano le redini del Comitato e a rimboccarsi le maniche per l’intera gestione.

Ma quest’anno pare si sia arrivati al capolinea. Una lettera scritta lascia poche speranze di ritorno al passato, anche se questa storia sa tanto della favola “Al lupo! Al lupo!”. Difficile crederci a primo impatto.

Intanto è doveroso dire che nel corso degli anni sono stati tanti i problemi verificatisi un po’ per volta, ma quest’anno si sono concentrati tutti in pochi giorni (fuochi, giostre, cavalcate, sbandieratori ecc.). Sarà stato questo il vero motivo che ha indotto il Comitato a mollare? O lo stress causato dalle tante malelingue che ogni anno attanagliano chi con devozione e impegno regala una delle feste patronali più belle del sud Italia alla propria cittadina?

A tutt’oggi, comunque, circolano già delle indiscrezioni assolutamente non ufficiali che vorrebbero come organizzatore della festa del prossimo anno il fiorista Andrea Saffi. È lui infatti il candidato numero uno a subentrare a Di Venere Giammaria, in quando da parecchi anni sponsorizza e segue da vicino alcuni dei rituali Oronziani turesi più belli: il lancio dei fiori, dei palloni e dei coriandoli la sera del 26 agosto dopo l’arrivo del carro trionfale in Piazza Silvio Orlandi. Al suo fianco potrebbe esserci il dott. Michele Boccardi.

SAFFI_PALLONI

Sarà vero? Lo scopriremo quando le dimissioni del Comitato saranno irrevocabili.