4 NOVEMBRE: UNA FESTA SOLENNE, CORALE

4-novembre

Nella Giornata del 4 Novembre gli italiani scendono in piazza non per i molti e soliti motivi che durante l’anno li accompagnano, ma in questa ricorrenza l’hanno fatto per se stessi, per la loro storia, per il loro orgoglio. Questa è la data che ricorda “l’Unità Nazionale”, la “Festa delle Forze Armate” .

Novantuno anni fa, nel 1918, un’altra Italia si rialzava in piedi dopo il disastro di Caporetto. Oggi nell’Italia delle grandi crisi, degli scandali e della perdita d’identità quegli avvenimenti sembrano quasi una leggenda. Invece sono la nostra storia, come nostra tradizione è avere il crocifisso nelle classi.

A ricordo di questa nostra storia oggi pomeriggio si è tenuta una manifestazione presso l’altare dei caduti qui a Turi. Vi hanno partecipato autorità civili, religiose e militari, dirigenti scolastici, insegnanti e studenti, rappresentanti delle Associazioni e la banda musicale.

Nel suo intervento, il sindaco, dott. Vincenzo Gigantelli, ha ribadito come “le Forze Armate, sicuro presidio delle nostre Istituzioni e garanzia di sicurezza per i cittadini, costituiscono una moderna, efficace e preziosa risorsa del "sistema-Paese". “Oggi, alla vigilia del 150° anniversario dell'Unità d'Italia - ha continuato - dobbiamo rinvigorire, specie nelle giovani generazioni, quel patrimonio di identità e di coesione nazionale che gli Italiani hanno saputo costruire nel corso della loro storia, anche attraverso dolorose esperienze”

L’atmosfera che ha richiamato alle nostre menti e ai nostri cuori l’orgoglio di essere italiani ci è stata data infine dalla Banda di Turi a cui è andato un ringraziamento da parte del Primo cittadino.