PROVERBI: A CHÉSE APPECCÉTE MìTTE FUÉCHE

foto_storica_turi

 

 

 

Ce manègge, fèstègge.

(Chi ha le mani in pasta, può disporre di ciò che desidera)

 

A ce crède, Dìje provvede.

(Ai credenti viene in aiuto la Provvidenza).

 

Quànne chiù se rezzelèsce u’ prìse, chiù affetèsce.

(Quando un discorso è più volte ripetuto, è molto sgradito).

 

Fattìlle che chìdde mègghie de tè e fànge i spèse.

(Diventa amico di quelli migliori di te e dai loro una ricompensa ).

 

A chèse abbrescète, mìttenge fuèche

(Se qualcosa nella vita va malissimo, accelera gli effetti e, incominciando da capo, si risolve meglio la situazione).

 

Pòvere a ce chède e cèrche aiùte

(Nelle difficoltà della vita non c’è quasi nessuno che ti dà una mano).

 

Cùdde ca pèghe ‘nnanze, jè màle servìte

(Chi paga prima che l’opera sia stata consegnata, rischia di avere un lavoro venuto male).

 

 

Lèttera vè, lèttera vène.

(Le controversie difficilmente si risolvono mediante corrispondenza).

 

Aqquànne nàn uè fùme, nàn appeccè fuèche.

(Se non vuoi fumo, non accendere il fuoco).

 

Aqquànne u’ diàvele t’ accarèzze, vòle l’àneme.

(Quando qualcuno di indole cattiva cerca di corteggiarti, stanne certo che vuole nuocerti).

 

Ce s’avànde da sùle, vèle nu’ fasùle.

(Chi si vanta da solo, vale un fagiolo).