DELL'AERA A UN PASSO DALLA GRANDE MELA

maratona

Giuseppe Dell'Aera è pronto a volare nella Grande Mela per intraprendere una delle esperienze più emozionanti della sua vita: la 40° Maratona di New York. Lo abbiamo incontrato per le ultime indiscrezioni.

Partenza: domenica mattina alle ore 9.40 (15.40 italiane) con il pettorale 5124, e quindi nel primo dei tre macro gruppi formati da 13mila persone. È un primo punto a favore perché incrocerà meno corridori durante la sua corsa e, soprattutto, avrà davanti a sé solamente "lepri", atleti con un personale sotto le 3 ore che potranno stimolarlo ad un'eccellente prestazione.

La diretta dalle ore 15 sarà trasmessa su Rai Sport +, su Sky, sul digitale terrestre o a questo link http://www.rai.tv/dl/RaiTV/diretta.html?cid=ContentSet-37f0f5d4-af33-48df-9281-2d46214c1b5d; dalle ore 14.30 su Eurosport. Su Rai 2 sarà possibile vedere un'ampia sintesi alle 19.30.

Divisa da gara: Dell'Aera indosserà una canotta personalizzata con il logo costituito da un cuore rosso stilizzato e la scritta "Per una ss172 + sicura" al suo interno. Inoltre sul petto avrà le scritte "Italia" e "Dell'Aera".

dellaera2 dellaera3

 

Ultimo test: domenica scorsa ha partecipato alla mezza maratona di Andria piazzandosi 30° assoluto e 8° nella categoria 18-34. Un buon test considerando il tempo all'arrivo di 1 ora e  24 minuti.

La maratona di New York è la maratona più numerosa al mondo, con i suoi 37.850 atleti arrivati al traguardo nel 2006. Insieme alla maratona di Boston e quella di Chicago, è una delle più importanti corse degli Stati Uniti e fa parte delle World Marathon Majors.

dellaera

La corsa è organizzata dal NYRR (New York Road Runners) e si corre ogni anno dal 1970. Negli ultimi anni è stata anche sponsorizzata del gruppo finanziario ING direct. L'evento si tiene ogni prima domenica di novembre e attrae sia gli atleti professionisti che quelli amatoriali, provenienti da tutto il mondo. A causa della sua popolarità, la partecipazione è ora limitata a soli 37.000 partenti, scelti da una lotteria, ma privilegiando comunque gli atleti che hanno già partecipato. I corridori membri del NYRR possono gareggiare o partecipando a delle qualifiche o grazie ad alla nomina da qualche club podistico ufficiale.

La corsa copre tutti e cinque i distretti di New York City. Comincia a Staten Island, vicino al ponte di Verrazano-Narrows. Il ponte, che normalmente è adibito al solo trasporto di vetture, chiude per l'occasione. Nei minuti successivi alla partenza il ponte si affolla di corridori, creando così una scena maestosa divenuta emblematica della corsa stessa.

Dopo la discesa del ponte il percorso attraversa Brooklyn per circa 19 km (12 miglia). I corridori passano attraverso una grande varietà di quartieri: Bay Ridge, Sunset Park, Bedford-Stuyvesant, Williamsburg e Greenpoint. Al km 21,1 la corsa passa sul ponte Pulaski che segna la fine della prima metà di gara e l'entrata nel distretto di Queens. Dopo circa 4 km gli atleti attraversano l'East River sul temuto ponte di Queensboro che porta a Manhattan. Questo è il punto più critico della corsa in cui molti atleti accusano la fatica pertanto l'attraversamento del ponte è considerato uno dei passaggi più difficili di questa maratona. Raggiunta Manhattan, dopo circa 25,5 km, la corsa procede su First avenue, quindi passa brevemente per il Bronx , raggiunto attraverso il ponte Willis Avenue per ritornare a Manhattan per il ponte Madison avenue. La corsa procede dunque per Harlem giù per Fifth avenue e in Central Park. La corsa prosegue per Central Park South dove migliaia di spettatori si radunano per acclamare gli atleti per l'ultimo miglio. A Columbus Circle la corsa rientra nel parco e si conclude fuori dal ristorante Tavern On The Green. Il limite massimo per portare a termine la corsa è di 8 ore e 30 minuti dall'inizio che viene dato alle ore 10:10.

Sono stati quattro gli italiani a vincere la Maratona: Orlando Pizzolato nel 1984 e 1985 e Gianni Poli nel 1986; nel 1996 "l'italiano spuntato dal nulla" (così scrisse il NY Times all'indomani del suo inaspettato successo nel 1996): Giacomo Leone.

(Notizie tratte da WIKIPEDIA.it. Nella pagina dedicata alla Maratona di New York è possibile leggere un po' di storia e l'albo d'oro maschile e femminile della competizione).