Bianco inarrestabile

gianpiero bianco

Ancora una gara superlativa per l’atleta turese, che porta la D’Angela Sport a un passo dalle cento medaglie “assoluti”

Strepitoso Gianpiero Bianco che porta a casa la nona medaglia “assoluti” consecutiva, conquistando un bronzo assoluto e classificandosi al primo posto nella sua categoria. Senza contare che con questa nuova impresa il medagliere dalla società arriva a meno uno rispetto all’atteso traguardo delle cento medaglie.

Il tutto si è svolto in Abruzzo, a Tollo, comune della provincia di Chieti, dove oramai la punta di diamante della D’Angela Sport ha conquistato fama e rispetto, dato gli ultimi risultati portati a casa proprio in quella Regione.

Circa 250 atleti allo start e tra i partecipanti due nomi di grossa caratura: Alberigo Di Cecco, ex nazionale e olimpionico, e Ivan Di Mario, forte atleta del Molise che insieme al nostro Bianco si giocano le prime tre piazze della gara.

«La partenza – ci spiega Bianco – è stata molto cauta per tutti, dato che i primi 400 metri era tutti in salita, e il restante percorso un continuo saliscendi non eccessivo. Dal terzo 3° km, in tre abbiamo staccato tutti e formato il gruppo di testa sino al 5° km, quando Ivan e Alberigo hanno deciso di fare un bello “strappo” e di aumentare le distanze. Io ho provato solamente a starli dietro, cercando di non allontanarmi troppo, consapevole che, dato il loro valore atletico, non potevo superarli. Alla fine, una bella soddisfazione è stata quella di giungere al traguardo poco dietro di loro, staccando il resto degli avversari di un minuto circa. È stato davvero un grande onore salire sul podio assieme a due campioni di tale calibro.

«Una bella giornata perché – ammette il portabandiera della D’Angela Sport – abbiamo corso la gara senza pressioni o stress. E infatti, durante il percorso, prima del distacco, noi primi tre ci siamo permessi di fare qualche chiacchiera e battuta, per cui davvero una gara amichevole e piacevole assieme a grandi atleti ma soprattutto buoni amici».

La concentrazione, ad ogni modo, non è mancata come testimonia il crono finale che si è fermato a 28,16 minuti, con una media di 3,23 minuti al km.

«Adesso vediamo di conquistare la centesima medaglia “assoluti” del Team e di festeggiare questa impresa che – conclude Bianco – vorrei portare a casa il prima possibile, finché “il ferro è caldo”».