Silvano D’Angela nominato vicesegretario della Lega Turi

Silvano D'Angela

Sicurezza, decoro urbano ed equità fiscale continueranno a essere gli obiettivi del circolo cittadino

Enzo Dell'Erba con il segretario cittadino e il rappresentante dei giovaniNovità all’interno del locale circolo della Lega Salvini Premier che, diventato partito di maggioranza, continua il percorso di crescita e di definizione della propria struttura interna.

In quest’ottica, il segretario cittadino Graziano Gigantelli ha nominato Silvano D’Angela suo vice, affidandogli il compito di curare l’assetto organizzativo della sezione turese e di portare a termine la campagna tesseramento 2019. Il direttivo, inoltre, si arricchisce dell’esperienza di Enzo Dell’Erba, convinto sostenitore della prima ora.

La scelta di individuare D’Angela come “secondo in comando” si pone all’insegna della continuità delle politiche portate avanti dalla Lega, improntante sui tre principi cardine di sicurezza, decoro urbano ed equità fiscale.

Una continuità e una collaborazione con l’Amministrazione che viene rimarcata nell’intervista rilasciataci dallo stesso Silvano D’Angela.

 

Quando è iniziata la sua militanza politica?

«Lo scorso anno ho avuto modo di conoscere Graziano Gigantelli, indicato dalla direzione provinciale della Lega Salvini Premier come segretario cittadino. Ho potuto apprezzare il suo programma e ho cominciato a frequentare il circolo, dando il mio supporto nelle varie iniziative organizzate a Turi. Con grande stupore, qualche giorno fa, Gigantelli mi ha chiesto la disponibilità ad essere inserito nel direttivo con funzione di vicesegretario, un ruolo che ho accettato con onore e che mi impegno a portare avanti con tutta la passione e la determinazione che mi contraddistingue».

 

Perché ha deciso di aderire alla Lega?

«Mi ha convinto l’approccio rivoluzionario del modo di fare politica del nostro leader Matteo Salvini, che ha dimostrato di saper affrontare i problemi che affliggono il Paese in maniera diretta, senza finti proclami o ricerca di facili consensi. Dalla sicurezza alla difesa dei confini nazionali, ogni provvedimento sostenuto dal nostro Capitano ha sempre dato priorità agli interessi degli italiani, troppo spesso sacrificati in nome di un “buonismo umanitario” che crea più danni che benefici».

 

Come vicesegretario quali iniziative organizzerà per rafforzare il circolo turese?

«Continueremo a stare tra la gente e a recepire le istanze dei cittadini; verificheremo puntualmente le situazioni di criticità per quanto riguarda la sicurezza e il decoro urbano, rapportandoci con il nostro rappresentante in Giunta, l’assessore Gigantelli, al fine di promuovere un reale cambiamento del paese».

 

Come pensa di collaborare con l’Amministrazione?

«Il nostro circolo cittadino ha sempre sostenuto la politica dell’equità fiscale. Ora che siamo diventati un partito di maggioranza, suggeriremo un’operazione di controllo sui pagamenti dei tributi locali e di recupero dell’evasione.

Inoltre, sulla questione dei lavoratori stagionali solleciteremo il nostro assessore a promuovere un tavolo di concertazione e di programmazione, che coinvolga tutti gli attori che hanno un ruolo in questa vicenda, da convocare fin dal prossimo autunno per non arrivare impreparati come è accaduto negli ultimi anni.

Mi permetto di aggiungere che va dato atto all’Amministrazione che, al netto dei disagi che ci sono stati per una modalità di accoglienza ereditata e che va perfezionata, è riuscita a chiudere la foresteria nei tempi previsti, ovvero il 30 giugno, ponendo fine allo scempio della “tendopoli” che si era creata nell’area esterna. Sappiamo che ci sono ancora alcuni stagionali accampati abusivamente nei pressi dell’ex mattatoio, ma si sta provvedendo ad allontanarli con l’aiuto delle Forze dell’Ordine».

FD