VENTRELLA: "MENINO SULLA VARIANTE DEVE STARE ZITTO"

ventrella_home

Nell’ultimo Consiglio comunale, il consigliere di minoranza Natalino Ventrella ha, come gli capita negli ultimi tempi, abbandonato la sala consiliare quando si è iniziato a parlare di urbanistica. Gli abbiamo chiesto il motivo di questo comportamento. “Io e il mio gruppo politico costituito da Sante Tauro e Pietro Colapietro, abbiamo pensato che sia meglio abbandonare l’aula: fino a quando non ci sarà il Pug definitivo è inutile esporsi in consiglio”.

Abbiamo approfittato dell’occasione per chiedere a Ventrella un parere sulla maggioranza che vuole l’eliminazione di un tratto di strada che doveva collegare l’area Pip al centro abitato.

“Ho abbandonato l’aula – chiarisce Ventrella - perché su questa variante ci sarebbero dubbi, perplessità e io non voglio andare a rispondere ai carabinieri e al procuratore della Repubblica, insomma voglio restarne fuori.”

Domenico Coppi, che Turiweb ha intervistato sulla variante, si è  soffermato schierandosi contro la creazione e l’approvazione della stessa. Ventrella però ha da ridire su quanto affermato dall’ex sindaco Coppi:

“Menino non può intervenire, dovrebbe stare zitto su ciò che riguarda l’urbanistica e questo perché lui che ha amministrato male non può parlare, né dare suggerimenti. Del centro-sinistra può intervenire solamente Pietro Giorgio, l’unico che ha i meriti per poter dire la sua riguardo a questa materia. Tutti gli altri, non essendo vergini in questa branca, devono stare calmi e zitti.”