GIOVANE ITALIA: “LIBERA...MENTE PARLANDO”

giovane_italia_2

Sabato 4 settembre, presso la Biblioteca comunale di Turi, si è svolto un incontro dibattito sul progetto Libera...Mente Parlando, presentato con lo slogan “Una Scommessa Da Vincere. Le opportunità per donne e giovani nel mondo della politica”. Hanno partecipato Fabio Saverio Romito, coordinatore provinciale di Giovane Italia, Giovanni Aquilino, coordinatore Giovane Italia di Putignano, il dott. Michele Boccardi, in veste di Consigliere regionale, e il dott. Aldo Vito Valentini, consigliere comunale di Putignano. Moderatore del dibattito Fabio Francesco Topputi, coordinatore comunale di Giovane Italia di Turi.

Il progetto “Libera...Mente Parlando” nasce sotto iniziativa del gruppo provinciale Giovane Italia e consiste in una serie di conferenze distribuite in diversi paesi, tra loro limitrofi, in modo che cooperino creando gruppo. L'iniziativa ha come scopo la formazione politica giovanile al fine che i giovani si affaccino al mondo politico preparati e coscienziosi di tutto ciò che avviene all'interno di un mondo in cui vi si presentano giochi d'astuzia e situazioni intricate.

giovane_italia_5

Fabio Saverio Romito ha dichiarato la necessità di “combattere a denti stretti contro l'amministrazione Vendola” colpevole, in questi ultimo tempi, di aver approvato la delibera 1882 sui trasporti pubblici che prevede un aumento del 13% del costo dei biglietti per il treno e  pullman, compresi quelli urbani.

Lo stesso pugno duro lo ha manifestato il consigliere regionale M. Boccardi che non ha mancato di sottolineare la necessità di “creare, nella nostra regione, uno sviluppo socio-economico occupazionale in cui ci si serva della propria manodopera e si valorizzino i prodotti tipicamente pugliesi”. Parere positivo è anche rivolto all’introduzione del Federalismo fiscale, una forma di agevolazione “per lo sviluppo, tagliando così le nefandezze economiche”. Infatti, all’accezione comune di Federalismo fiscale, spiega Boccardi, deve aggiungersi la possibilità di una eliminazione della spesa storica ed una sostituzione di quest'ultima con il costo standard, che si concentra su una riproporzione della spesa sulle effettive esigenze e sulle entrate. In tal modo si ottiene uno sviluppo economico per il paese.

Un plauso è andato al gruppo giovanile, al quale chiede cooperazione e squadra con il gruppo adulto. Su questo argomento, prende la parola il coordinatore putignanese, Giovanni Aquilino che si sofferma sul valore dell'ABC formativo, in campo politico, finalizzato a lasciare un’impronta marcata nei giovani. Dello stesso parere il consigliere comunale Valentini che introduce l'importanza della politica giovanile e definisce essenziali la passione per la politica e l'impegno. Non manca di nominare lo spirito di servizio che comporta il dover fare gavetta, l’imparare le regole ed infine il partecipare con dinamicità nella sfera politica. Quindi per i giovani è importante essere consapevoli di ciò che attuano, percepire e dire.

Il dibattito si è concluso con una domanda al giovane coordinatore Romito, riguardante il gap di presenza del partito giovanile di centro -destra rispetto ai giovani di sinistra. “Nonostante la minoranza in senso quantitativo - afferma Romito - i giovani di centro destra si impegnano a far fronte alle problematiche di vario tipo che spaziano dai problemi interni al proprio partito ai problemi effettivamente di fabbisogno sociale, i giovani dell'opposizione sono fortissimi solo nell'organizzare le elezioni. Per cui il gap risulterebbe il loro e non il nostro”.

Al dibattito hanno partecipato ragazzi di Ruvo, Terlizzi, Santeramo e di molti altri comuni. Un ringraziamento in particolare è stato rivolto al Dott. Vito Aldo Valentini e al Dott. Boccardi che non hanno esitato nel rendersi disponibili con i giovani inquadrati, determinati e interessati alla politica.