Lunedì 22 Ottobre 2018
   
Text Size

SONNARÈLLA SONNARÈLLE… FILASTROCCHE E UN ANEDDOTO

largo_pozzi

Sonnarèlla sonnarèlle,

u’ lùpe s’è mangète la pecorèlle.

Pecorèlla mia, dìmme: accòme fascìjste,

aqquànne ‘mòcche o’ lùpe te vedìjste?

Cùsse jè u’ fìgghie de la màmme,

jè menùnne, avà fè grànne.

La màmme ne tène iùne,

nàn ge u’ vòle dè a nesciùne.

Ce ne tenève tre

te dève iùne a te.

Sand Michèle mìje ce vè fascènne,

tùtt’ i crjatùre vè addermescènne.

Sand Michèle paciùse,

iàpre i pòrte e ghianatìnne sùse.

Talvolta i bambini piccoli erano indirizzati dalle loro mamme, indaffaratissime a causa dei lavori domestici, presso parenti o amici del vicinato con la seguente richiesta alquanto singolare: “Ha detto mamma dammi un po’ di ‘ndrattìjne’ “. In attesa del misterioso ‘ndrattìjne’ (intrattenimento), che non arrivava mai, l’ignaro bambino era costretto a rimanere per qualche tempo lontano da casa, stando pure molto tranquillo perché intimidito da un ambiente e da persone con cui non era in confidenza, permettendo alla mamma di terminare le faccende domestiche.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI