“Bosco Bene Comune”, traguardo quasi raggiunto

monteferraro Barone

Sull’antico tratturo di Monteferraro… a bordo di un traino

È giunto quasi al traguardo il progetto dell’Associazione Culturale ETS “Rizomi”, presieduta da Marita Carrieri, che, insieme a Stefano de Carolis, ha organizzato una sottoscrizione pubblica finalizzata all’acquisto dei 6,6 ettari del Bosco di Monteferraro, per farlo diventare un “bene comune”.

Oltre a vari incontri, meeting e percorsi didattici utili a divulgare l’iniziativa, Stefano de Carolis ha ripercorso, a bordo di un traino, il tratturo che attraversa il Bosco al confine tra Turi e Conversano.

«Nello spirito di valorizzazione del patrimonio culturale del Bosco e di rievocazione dei costumi della nostra tradizione contadina – spiega de Carolis – assieme a Gianni Signorile e agli amici di “Rizomi”, abbiamo rievocato il percorso nell’antico tratturo di Monteferraro a bordo di un traino. Un salto nel passato realizzato grazie alla collaborazione di Beppe Dell’Aera e del suo Barone, lo splendido cavallo di razza “Murgese Principino”».

«È stata un’occasione per mostrare le bellezze naturalistiche del Bosco di Monteferraro e ribadire l’importanza di tutelare ad ogni costo questo immenso “museo a cielo aperto”. Un’ambiziosa missione – anticipa – che stiamo per portare a termine, anche grazie ai tanti cittadini di buona volontà e ad alcune associazioni turesi che hanno dato il proprio contributo».