Venerdì 23 Aprile 2021
   
Text Size

Quando via Sedile sembrava “Spaccanapoli”

centro storico

Il Comitato per la Salvaguardia e la Promozione del Borgo Antico apre il tesseramento, con alcune importanti novità all’orizzonte

Esattamente due mesi fa, sulle colonne di questo settimanale, rendevamo nota la nascita ufficiale del Comitato per la Salvaguardia e la Promozione del Borgo Antico: “Un percorso durato diverse settimane, avviato ad agosto per iniziativa di un residente del centro storico, il sig. Pasquale Florio, ha portato alla costituzione del Comitato per la Salvaguardia e la Promozione del Borgo Antico di Turi, a cui ha aderito da subito un nutrito numero di cittadini, interessati a riportare in auge una parte del nostro paese, certamente la più bella ed interessante dal punto di vista storico-culturale.

L’approvazione dello Statuto ha permesso che, il 22 novembre 2020, si eleggessero il Presidente e i sei membri del Direttivo che per i prossimi tre anni interagiranno con l’Amministrazione Comunale e gli altri Enti e Associazioni per far tornare a vivere il nostro bellissimo Centro Storico.

Per realizzare tale obiettivo, prioritariamente il Comitato darà voce a residenti e non, che vivono da tempo una situazione di diffusa precarietà. Fondamentale sarà, a questo riguardo, l'intesa con l'Amministrazione Comunale per una necessaria revisione dei regolamenti vigenti legati al Centro Storico, tra cui una modifica del Piano di Recupero, nonché per il reperimento di finanziamenti regionali, nazionali o comunitari che possano servire al perseguimento degli obiettivi prefissati”.

APERTO IL TESSERAMENTO

A distanza di 60 giorni, il Comitato ha aperto il tesseramento: “Diventa anche tu socio del Comitato per la Salvaguardia e la Promozione del Borgo Antico di Turi! Tutti i giorni, dal lunedì al sabato (dalle ore 18 fino alle ore 19) ed il venerdì mattina dalle ore 11 alle ore 12, è possibile recarsi in sede per ricevere la propria tessera. La sede è in Via Sedile, 66 (nei pressi di piazza Capitano Colapietro, di fronte all'ex negozio di alimentari De Marinis, attuale salumeria di Patrizia Surico)”.

LE RIFLESSIONI DEL PROF. BUONACCINO

La scelta di via Sedile è tutto fuorché casuale: «Via Sedile – spiega il prof. Buonaccino – era la principale arteria del paese, vero fulcro di tutte le attività commerciali, ora purtroppo testimone muto, spento e dolente di un’epoca tramontata del tutto, una strada animata da tanti cittadini e, a loro insaputa, protagonisti e simboli di una intera comunità. Questo nostro “patrimonio culturale immateriale” va riportato in vita, prima ancora di ogni altro discorso che vorremmo, e dovremmo, fare, per il bene del nostro paese e di noi tutti, e soprattutto dei nostri nipoti: se ignorano le nostre radici, non potranno mai attaccarsi e difendere l’albero da cui i loro padri e nonni hanno attinto tanta vita. Nell’ultimo direttivo del Comitato è stata presentata una iniziativa che va in questa direzione: riportare in vita i colori e il calore di questa nostra identità, perché non si perda e perché resti a dimostrare il bello di una vita che era sì povera e semplice, ma, nonostante tutto, ugualmente felice e spensierata. Voglio sperare ardentemente che questa iniziativa sia realizzata e veda il concorso di tutti noi. Solo così, credo, sarà possibile rianimare il borgo antico e al tempo stesso stimolare nuovi investimenti, incoraggiando nuovi insediamenti commerciali. Per rievocare il bello di Via Sedile, e raccontarlo a chi non ha avuto la fortuna di viverlo e respirarlo nella sua festosa quotidianità, devo ricordare le botteghe che vi si affacciavano, partendo dall’imbocco della strada, verso il palazzo Marchesale»

A questo punto, le preziose parole del prof. Osvaldo Buonaccino, componente del Direttivo del Comitato, si interrompono, lasciando spazio ad un festoso elenco di attività un tempo incastonate nel nostro centro storico; negozi di alimentari, abbigliamento, mercerie, falegnamerie, tabaccai e, con loro, i nomi e i volti di coloro che gestivano queste attività, mantenendo in moto una macchina che col tempo si è spenta.

VIA SEDILE… COME SPACCANAPOLI

Attraverso il resoconto del prof. Buonaccino si riesce, con non molta difficoltà, ad accostare - chiaramente con le dovute proporzioni - la via Sedile del passato a “Spaccanapoli”: «Era un microcosmo, colorato, vivo, chiassoso, profumato (per non dire variamente appuzzito), segnato dalla quotidiana operosità e vivacità, su cui si affacciavano tante viuzze laterali, con le loro attività artigianali (in primis ciabattini e forni). Questo mio ricordo - che potrebbe essere lacunoso, e di ciò chiedo sin d’ora venia - comunque va a onore e futura memoria di questi nostri antenati, per aver saputo creare un mondo fiabesco, che vive nei ricordi di quanti lo hanno vissuto e goduto, nell’attesa di poter fare qualcosa di concreto per riportarlo, in un certo qual modo, in vita e dare il giusto, sia pure tardivo, pubblico riconoscimento, perché non cada nel nostro colpevole e futuro oblio».

“IL SEDILE”

A quale iniziativa faceva prima riferimento il professore? Per conoscere la risposta, bisognerà armarsi di pazienza; a conferma di ciò le seguenti dichiarazioni di Domenica Laruccia, Presidentessa del Comitato: «Abbiamo chiesto all’Ufficio Tecnico se il progetto possa essere preso in carico. Prima di questo importante passo, sarà necessario portare a termine i primi tre obiettivi fissati dal Comitato, ovvero la risoluzione del problema del guano dei volatili, il potenziamento della videosorveglianza e tutta una serie di questioni inerenti al regolamento vigente nel centro storico. Raggiunti questi obiettivi, passeremo all’idea recentemente suggerita dal prof. Buonaccino: lo scopo del Comitato è anche quello di riportare alla luce le radici, la memoria storica, il vissuto del borgo antico».

A tal proposito, come si diceva poc’anzi, via Sedile riveste un ruolo fondamentale: «La focalizzazione su via Sedile – puntualizza la Laruccia - è perché vorremmo chiamare il comitato stesso “Il Sedile”. Ci sono tante idee e c’è molto da fare. Ci auguriamo con il tempo ed il supporto dei soci di riuscire in tutti i nostri propositi».

LEONARDO FLORIO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.