Giovedì 13 Agosto 2020
   
Text Size

“Il turismo punti sull’entroterra”

Teresa De Carolis

I sindaci di “Cuore della Puglia” hanno incontrato l’assessore regionale al Turismo per confrontarsi sull’imminente stagione estiva

Valorizzare gli itinerari che conducono verso la parte interna della Puglia centrale, integrando l'offerta mare con i centri storici dell'entroterra, anche per decongestionare le spiagge rendendole più sicure. È la richiesta che parte da sindaci, amministratori e operatori turistici che nella giornata del 29 maggio hanno partecipato a una videoconferenza con l'assessore regionale al Turismo, Loredana Capone. Presenti anche Luca Scandale, coordinatore del piano strategico per PugliaPromozione, e Patrizio Giannone, direttore della sezione turismo della Regione Puglia.

I primi cittadini di Acquaviva, Altamura, Cassano e Rutigliano e gli assessori al ramo di Casamassima, Cellamare, Gravina, Putignano e Turi, riuniti tutti nell'associazione "Cuore della Puglia", oltre ai coordinatori degli Infopoint e delle Proloco, sono partiti dai dati diffusi dall'Osservatorio turistico regionale. Dati che per il 2019 fanno registrare ottime performance per i Comuni delle aree interne, con incrementi significativi rispetto al 2018. Ad esempio, il nostro Comune passa da 3.800 a quasi 5.200 presenze. «Non possiamo pretendere che quei numeri si confermino anche quest'anno - ha premesso Davide Carlucci, sindaco di Acquaviva e presidente dell'associazione - ma possiamo orientare verso le nostre località il turismo di prossimità che potrà svilupparsi questa estate».

“L’UNIONE VINCENTE”

Ed infatti, come ribadito dal nostro assessore alla Cultura, Teresa De Carolis, l’occasione di confronto è nata «dall’esigenza di creare un vero e proprio itinerario, un percorso turistico-culturale tra i nove Comuni dell’entroterra, con le proprie tipicità, la propria identità, e i Comuni della costa che da sempre godono di un turismo affermato. Da questa sinergia può nascere una forza turistico-culturale che renderà più attrattiva la nostra terra». «L’incontro – aggiunge – si è tenuto in un clima di massima collaborazione. Consapevoli che questa unione, evitando contrapposizioni di campanilismo, è uno strumento vincente».

«In un secondo appuntamento – precisa l’assessore – verranno enunciate le direttive per sagre, feste patronali, manifestazioni ed eventi. Tali direttive sono in fase di elaborazione da parte del Comitato tecnico-scientifico».

LE DUE ROTTE

Fra le varie idee emerse durante la discussione con l’assessore Capone e i suoi tecnici, si è deciso di puntare sulla promozione – magari attraverso una campagna di comunicazione ad hoc, rivolta soprattutto ai turisti della costa – di alcune “chicche” che molti pugliesi conoscono poco, come la nostra Grotta di Sant’Oronzo, le Orme dei Dinosauri di Altamura, la cripta della Cattedrale di Acquaviva, il "Paese Azzurro", ovvero il centro storico di Casamassima, il castello di Cellamare, il museo civico Romanazzi Carducci di Putignano, la foresta Mercadante e la rete agroturistica di Cassano, o le meraviglie di Gravina sotterranea.

Il tutto lungo un duplice itinerario. Il primo, partendo da Rutigliano, condurrebbe i visitatori fino a Gravina, intrecciandosi con altri percorsi quali i "cammini materani". La seconda rotta, quella che ci riguarda, inviterebbe il turista a esplorare la Valle d'Itria, seguendo la direzione sud-est da Acquaviva verso Casamassima, Turi e Putignano, per poi incontrare le attrattive dei paesi costieri.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.