Un concerto per ricordare

don firmino glocal (1)

Umanità Solidale Glocal dedica un “Sabat Mater” a Don Firmino

Era fine giugno quando una notizia, che giungeva dall’Africa, sconvolgeva la comunità turese. Padre Firmin Gbagoua, per tutti noi Don Firmino, fu ucciso in uno scontro tra gruppi armati. “Membri dell’etnia Peul hanno sparato al vicario generale dell’arcivescovo di Bambari che è morto all’ospedale” - fu la notizia diffusa. “Era una persona seria, sorridente”, si aggiungeva in una nota.

A Don Firmino, il sacerdote con cui l'Associazione Umanità Solidale Glocal portava avanti il progetto di una scuola a Bambari, nella Repubblica Centrafricana, e che tanti fedeli avevano avuto il piacere di incontrare ed ascoltare presso la parrocchia di San Giovanni Battista, è stato dedicato un concerto, nella serata di martedì 16 aprile, presso la Chiesa Madre.

“Beati gli operatori di pace”, rilanciano in coro i soci di Umanità Solidale Glocal e tutti coloro che per diversa ragione hanno preso parte alla serata di commemorazione di Don Firmino, iniziata prima con una Santa Messa e seguita da un concerto dell’Ensemble barocca Giovanni Maria Sabino diretto da Paolo Valerio. “Stabat Mater” di Giovanni Battista Pergolesi.

Nell’occasione, è stato ribadito il percorso di realizzazione della scuola Bambarì, con una raccolta fondi utile a completare l’arredo di un’aula dedicata appunto a Don Firmino. “Per l'anno scolastico 2019/20 - hanno aggiunto dall’Associazione - vogliamo completare l’arredo della scuola. Mancano 120 banchi, 4 cattedre, 4 armadi. Un banco ha il costo di 40 euro, una cattedra di 50 euro e un armadio di 80 euro”.

Chiunque volesse, può contribuire al progetto devolvendo il proprio contributo al c/c postale n.1021555295, intestato a Ass. Onlus Umanità Solidale Glocal CF 91088090724, Progetto "scuola Bambari" Rep. Centrafricana.

“Ogni goccia è preziosa e niente è piccolo se fatto per amore”.

C.D.