Domenica 19 Maggio 2019
   
Text Size

GARDENSIA TI ASPETTA IN PIAZZA

phpThumb_generated_thumbnailjpg

L'Associazione Nazionale dei Bersaglieri rinnova il suo impegno al fianco di AISM

Oltre 5 mila piazze italiane si colorano di rosa per ricordarci che ci sono donne che hanno bisogno che ciascuno di noi scelga una pianta di gardenia o di ortensia (con un contributo minimo di 15 euro l'una) o entrambe: due fiori che sottolineano lo stretto legame tra le donne e la sclerosi multipla, che colpisce la popolazione femminile in misura doppia rispetto agli uomini.

Ogni giorno in Italia 6 donne ricevono una diagnosi di sclerosi multipla. L'appuntamento - da venerdì 8 marzo a domenica 10 - è con "Bentornata Gardensia", la campagna di Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) dedicata alle donne con sclerosi multipla, nata per sostenere l'attività di ricerca sulle forme progressive e più servizi sul territorio per le donne con SM.

A Turi sarà possibile sostenere l'iniziativa grazie all'impegno dell'Associazione Nazionale Bersaglieri, che sarà a disposizione dei cittadini domenica 10 marzo presso la Grotta di Sant'Oronzo, dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 18.00 presso la Grotta di Sant'Oronzo

 

La Malattia

La sclerosi multipla è una malattia cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante; una delle più gravi del sistema nervoso centrale. Colpisce maggiormente le donne, in un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini. Il 50% delle persone con SM sono giovani, cui spesso la malattia viene diagnosticata sotto i 40 anni, nel periodo della vita più ricco di progetti. Si stimano 3.400 nuovi casi ogni anno in Italia: 1 diagnosi ogni 3 ore. I bambini colpiti da sclerosi multipla in Italia siano circa il 10% dei casi totali di SM. Si manifesta per lo più con disturbi del movimento, della vista e dell’equilibrio, seguendo un decorso diverso da persona a persona.

Sono 30 i sintomi associati alla sclerosi multipla tra questi anche la difficoltà nel linguaggio, la riduzione di forza muscolare, di sensibilità, disturbi cognitivi e nell’85% delle persone prevale il sintomo più comune definito anche il peggiore della malattia: la fatica.

 

La Ricerca

AISM con la sua Fondazione ogni anno destina alla ricerca 5 milioni di euro. Oggi, grazie ai progressi compiuti dalla ricerca scientifica, esistono terapie e trattamenti in grado di rallentare il decorso della sclerosi multipla e di migliorare la qualità di vita delle persone con SM. Tuttavia la causa e la cura risolutiva non sono ancora state trovate per questo è fondamentale sostenere la ricerca. “La Gardenia di AISM” ha permesso negli anni di raccogliere significativi fondi destinati al finanziamento dei progetti di ricerca e al potenziamento di servizi per le persone colpite da SM, in particolare per le donne e le loro famiglie a cui questa manifestazione è dedicata.

 

Trenta Ore per la Vita

"Gardensia" è quest'anno anche uno tra gli eventi della manifestazione Trenta Ore per la Vita, giunta alla sua 25esima edizione. A partire dal 25 febbraio il noto evento televisivo è dedicato alle donne con SM: i fondi raccolti con l'edizione 2019 di Trenta Ore per la Vita verranno destinati a servizi per le donne, in particolare alle mamme con sclerosi multipla, con il progetto 'Sclerosi multipla: giovani mamme e bambini'.

I fondi raccolti in passato, in quattro edizioni di Trenta Ore per la Vita, hanno consentito un forte impulso all'attività di ricerca e di assistenza da parte di Aism. Dal 25 febbraio al 3 marzo la campagna di Trenta Ore per la Vita è stata ospitata dalle reti Rai; da lunedì 4 e fino all'11 marzo su La7.

A sostegno della campagna anche il numero solidale 45591, attivo dal 25 febbraio al 17 marzo. Si potranno così donare 2 euro per ciascun Sms inviato (da cellulari Wind Tre, Tim, Vodafone, PosteMobile, iliad, CoopVoce e Tiscali), 5 euro per ciascuna chiamata da rete fissa Twt, Convergenze e PosteMobile, e 5 o 10 euro da rete fissa Tim, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI