Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Halloween, questione di scherzetto!

halloween 2018 (5)

Maschere e dolcetti per le vie di Turi

“Dolcetto o scherzetto”? Sono queste le parole che anche quest’anno, in occasione dell’ormai consolidata festa di Halloween, sono state pronunciate per le strade del nostro paese. Tanti piccoli “mostri”, scheletri e streghette hanno preso d’assalto le attività commerciali per l'immancabile domanda di rito. Spesso accompagnati dai genitori, non sempre entusiasti, i bambini si sono divertiti ad escogitare macabri scherzetti a base di farina, coriandoli o di schiuma da barba da far recapitare a tutti coloro che non erano in grado di soddisfare la loro richiesta di dolciumi.

L’entusiasmo dei bambini e dei ragazzi per una festa come quella di Halloween e per tutto quello che porta con sé - tra spiritelli e immagini spettrali - dimostra come questa festa di origine celtica abbia ormai preso piede nel panorama delle festività autunnali.

La pioggia ha un po’ rovinato il momento di festa, facendo andare via i più piccoli comunque contenti del loro misero bottino. Sono sempre da segnalare alcuni gruppi mascherati che hanno usato l'occasione per lanciare petardi e infastidire i gruppi dei più piccoli.

Nonostante grandi e piccini siano ormai immersi in questa festa, persistono puntualmente due schieramenti. Da un lato i cittadini sostenitori di Halloween, che la considerano un’occasione di semplice divertimento per grandi e piccini e un modo per sdrammatizzare temi scomodi come la morte e la paura dell’occulto; dall’altro gli avversari, che giudicano la festa di Halloween pericolosa per le sue derive occultistiche e dissacranti nei confronti dei valori cristiani legati alla morte e al mondo dell’aldilà.

Navigando sul web e tra i social network è facile imbattersi in soggetti che propongono gesti alternativi che richiamano la fede cattolica e che ricordano di celebrare il giorno seguente, ossia il 1° novembre, la festa di «Ognissanti». Tuttavia a chi puntualmente si accanisce contro questa festività, che in parte contribuisce alla crescita economia dei negozianti, bisognerebbe chiedere dove si nasconde negli altri undici mesi, quando quotidianamente assistiamo al dilagare della violenza gratuita nei cinema, alla banalizzazione della sessualità nei mezzi di comunicazione sociale e alla diffusione di modelli di comportamento aggressivi e inumani nei talk show, nelle soap opera, nei telefilm e perfino nei cartoni animati.

Tra polemiche, riflessioni, maschere e dolciumi anche quest’anno Halloween si è rilevata un'occasione come tante per divertirsi e fare festa stimolando i più ad approfondire altre culture.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI