Venerdì 19 Ottobre 2018
   
Text Size

La Banda ha tutto un altro stile

Guarda che banda

Frizzante e briosa, innovativa e travolgente, tradizionale senza il ripetitivo, calorosa come solo i ritmi del sud sanno essere. È energico l'applauso che ha chiuso l'esibizione di “Guarda che banda!” al Talos Festival di Ruvo di Puglia, nella serata del 5 settembre. Sul Sagrato della Cattedrale ruvese, il rosso, il dorato ed il bianco si sono intrecciati ai ritmi della musica di strada offrendo uno spettacolo coreografico davvero coinvolgente.

“Guarda che Banda!”, progetto che rinnova e rielabora il repertorio bandistico tradizionale della banda pugliese attraverso l’incontro con forme musicali ed artistiche diverse, trasformando la tradizionale “banda da giro” in un vivace laboratorio musicale che coinvolge decine di musicisti di tutte le età, abbraccia l'ormai nota street band turese Conturband e Gruppo Majorette "Ad'I Girls" di Martina Franca, da anni attive sul territorio nella promozione della cultura e nell’innovazione della cultura musicale bandistica.

La musica di “Guarda che Banda!” è generosa e travolgente, sempre familiare ma mai sentita prima, che si ascolta, si vive, si guarda e porta la banda di paese a trasformarsi in una energica fanfara ritmata da una nuova selezione strumentale e da una innovata classe di percussioni. "Guarda che Banda!", sotto la direzione artistica di Nuccio Gargano, la bacchetta del Maestro direttore Margherita Dipierro, i passi della coreografa Anna Grazia Leserri e il coordinamento artistico di Vito Abbatepaolo ha dato vita ad uno spettacolo davvero entusiasmante che, per chi volesse ascoltarlo, può trovarlo nelle tracce del Cd Tubojazz, acquistabile direttamente dal sito della stessa associazione culturale musicale.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI