Lunedì 16 Luglio 2018
   
Text Size

"Guarda che Banda" in trasferta a Bitonto

Guarda che banda Turi (1)

Il nuovo progetto 'made in Turi' sbanca alla IV edizione del
Festival bandistico FlataTùm


“Guarda che Banda”, l'innovativo progetto guidato dal maestro Margherita Dipierro e diretto da Nuccio Gargano, è stato protagonista della quarta edizione di “FlataTùm”, il prestigioso festival bandistico della città di Bitonto.

Venerdì 22 giugno, i 45 elementi, tra musicisti e ballerine provenienti dalla provincia barese, si sono esibiti prima per le principali vie cittadine facendo il pieno di applausi per poi, intorno alle ore 21.30, dare vita, nella cornice del Teatro Traetta, ad uno spettacolo con speciali coreografie che ha lasciato senza fiato il nutrito pubblico presente.

Guarda che banda Turi (2)

Come annunciato qualche settimana fa, "Guarda che Banda" è risultato vincitore dell'iniziativa PIN (Pugliesi Innovativi) promossa dall'Assessorato alle Politiche Giovanili. Il progetto, che si avvale della collaborazione artistica della street band turese "Conturband", nasce dall’esigenza di rinnovare e rielaborare il repertorio bandistico tradizionale attraverso l’incontro con forme musicali ed artistiche diverse, trasformando la tradizionale “banda da giro” in un vivace laboratorio musicale che coinvolge decine di musicisti di tutte le età.

La musica di “Guarda che Banda!” - si legge nella presentazione del progetto - è generosa e travolgente, sempre familiare ma mai sentita prima. È una musica che si ascolta, si vive e si guarda: la banda a volte si muove a tempo di musica, accompagna i brani con coreografie di insieme, evolve stilisticamente nello stile di marcia in parata, porta lo spettacolo in mezzo alla gente, ed un corpo di ballo ne accompagna i momenti salienti con le sue artistiche danze.

“Guarda che Banda”, dunque, porta la banda di paese a trasformarsi in una energica fanfara ritmata da una nuova selezione strumentale e da una innovata classe di percussioni. In tal modo la “marcia pugliese” verrà arricchita da nuove tendenze artistiche, senza perdere la sua anima atavicamente legata al territorio, ma veicolata nelle piazze con rinnovato ardore e con nuove vesti a festa.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI